Campagna rottamazione Kverneland

Tillage Radish, il rafano che prepara il terreno per la semina di bietola e mais

Tillage Radish, il rafano che prepara il terreno per la semina di bietola e mais

Quest’anno nell’azienda Corte Parolara di Castelbelforte (Mantova), che da qualche anno ha avviato un passaggio progressivo dall’aratura alle minime lavorazioni, abbiamo voluto eseguire due diverse prove di semina autunnale della cover crop Tillage Radish.

Roberto Pasetto dell’azienda Corte Parolara mostra una pianta di Tillage Radish seminata come cover crop invernale.

Su un terreno dove è stato effettuato un solo passaggio con l’erpice Kverneland Qualidisc su residui colturali di mais da insilato, abbiamo seminato il Tillage Radish con due interfile diverse, 45 e 75 cm. Nel primo caso quel terreno ospiterà la bietola, che verrà seminata esattamente sulle tracce lasciate dalla cover, e lo stesso verrà fatto nel secondo caso con il mais.

Ecco come si presentava la fitta vegetazione di Tillage Radish a metà novembre e, in primo piano, il fittone di grandi dimensioni di questa cover che “ara” naturalmente il terreno creando una buona strutturazione.

Poiché il Tillage Radish è una cover geliva, ci aspettiamo di non dover effettuare nessun’altra lavorazione prima della semina di bietola e mais nella prossima primavera.

Dalle foto possiamo notare il magnifico sviluppo del Tillage Radish, con una notevole massa verde che verrà decomposta nel corso dell’inverno arricchendo il terreno di sostanza organica e con un fittone che garantisce una “lavorazione naturale” del terreno proprio alla profondità alla quale svilupperanno le radici di bietola e mais.

Bruno Agazzani

Bruno Agazzani

Agronomo della ditta Speziali Antenore di Roncoferraro (Mantova), specializzato nell'elaborazione di piani di coltivazione specifici per ogni coltura in base al tipo di areale (terreno, clima, acqua e contributi), con particolare riguardo all'agricoltura di precisione.



Articoli correlati

Colza, una coltura miglioratrice su cui puntare (facendo attenzione alla semina)

Nei terreni dove c’è scarsità di acqua e dove c’è bisogno di una pianta invernale rustica che aumenti il tenore

Soia Italia: nasce un’associazione per tornare a coltivarla bene

La soia è certamente la coltura che più delle altre sta attirando grande interesse da parte degli agricoltori, ma la

Silosorgo: con gli ibridi della nuova generazione genetica si raggiungono le stesse unità foraggere del silomais

«Dopo che ho raccolto il triticale, semino il sorgo da foraggio che affianca il mais seminato in primo raccolto. Il

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*