Eco-schemi, prati, rotazione: prende forma la nuova Pac 2023-2027

Eco-schemi, prati, rotazione: prende forma la nuova Pac 2023-2027

Tre mesi ci dividono dall’approvazione dei regolamenti della nuova Pac 2023-2027 e a Bruxelles si susseguono le riunioni per trovare un accordo su tutti i punti, che tuttavia sembra ancora lontano. Vediamo cosa sembra però già deciso.

Eco-schemi

È un nuovo pagamento a ettaro aggiuntivo a quello di base, relativo ai cosiddetti “eco-schemi”, cioè azioni volontarie messe in campo dall’agricoltore in funzione del clima e dell’ambiente (lo abbiamo spiegato in maniera più approfondita nell’articolo “Eco-schemi Pac: il nuovo pagamento a ettaro. Cosa sceglierà l’Italia?“).

Il pagamento riguarderà tutta la superficie aziendale, e quindi non solo gli ettari ammissibili, coperta dall’eco-schema. Per avere il bonus occorrerà intervenire su almeno due delle seguenti aree di azione: clima, ambiente, benessere degli animali, resistenza antimicrobica. Per quanto riguarda il benessere animale, il premio annuale sarà calcolato per unità animale.

Condizionalità rafforzata

Il mantenimento dei prati permanenti è fissato sulla base di una percentuale di prati in relazione alla superficie agricola nazionale, regionale, gruppo di aziende o azienda singola, sulla base dell’anno 2018. È consentita una riduzione della superficie al massimo del 5% rispetto all’anno di riferimento 2018. Confermato il divieto di bruciare le stoppie.

Diversificazione abolita

Sulla rotazione delle colture l’accordo prevede che la diversificazione venga abolita. Dunque gli Stati dovrebbero giustificare la rotazione ogni uno, due o tre anni a seconda delle colture, tenendo conto dei diversi sistemi agricoli e delle condizioni agro-climatiche. Sono previste esenzioni per gli agricoltori biologici, le aziende con più del 75% dei seminativi con colture da foraggio e quelle di piccole dimensioni.

Superfici a Efa

Per quanto riguarda le superfici a Efa, due saranno le opzioni: il 4% della superficie a seminativo dell’azienda agricola oppure il 3% per gli agricoltori che aderiscono agli eco-schemi.

Giovani agricoltori

In base alla nuova Pac 2023-2027, si definiscono giovani gli agricoltori con un limite massimo di età compreso tra 35 e 40 anni.

Pagamenti accoppiati: nuovi ingressi

L’elenco definitivo sui pagamenti accoppiati è ancora in via di definizione, ma è certo che escluderà le colture non alimentari e includerà peperone, patata, miscugli di leguminose/erbacee e olive da tavola.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
nuova PacPac 2023-2027

Related Articles

Per De Cecco non basta il grano italiano per fare una pasta eccellente

Quando si dice il tempismo! Col coronavirus il governo si è accorto finalmente che è strategico produrre più grano, più

Soia, il 2020 può essere l’anno del rilancio in Italia

Oltre ai buoni motivi elencati in un nostro recente articolo, il 2020 potrebbe essere l’anno del rilancio in grande stile

Addio alla soia nelle aree di interesse ecologico?

Girava da qualche giorno la notizia che il nostro Mipaaf stava per fare lo sgambetto alle azotofissatrici destinate a quel

1 comment

Write a comment
  1. Alvaro
    Alvaro 24 Luglio, 2021, 11:46

    Grazie bello tienici informati. Buona giornata

    Reply this comment

Write a Comment