Frumento tenero e mais biologici, i conti non tornano

Frumento tenero e mais biologici, i conti non tornano

L’Unione europea ha stabilito che le superfici a biologico devono aumentare drasticamente nei prossimi 5-7 anni e quindi è opportuno chiedersi se questa scelta vada nella giusta direzione. Una sperimentazione poliennale, realizzata dall’Istituto Domenico Sartor di Castelfranco Veneto (Treviso), Agricola Grains e Coop Spazio e pubblicata sull’Informatore Agrario, confronta frumento e mais nella versione convenzionale (concia del seme, concimazione e diserbo con prodotti chimici) e nella versione biologica (concia con prodotti naturali, concimazione a base organica, diserbo meccanico).

I costi del frumento tenero

Ecco il costo totale delle operazioni colturali del frumento tenero:

  • 650 euro/ha nel biologico
  • 590 euro/ha nel convenzionale (-10%)

Il costo dei mezzi di produzione:

  • 615 euro/ha nel biologico
  • 397 euro/ha nel convenzionale (-55%)

In questo caso nel biologico pesano i costi del concime organico (800 kg/ha al costo di 256 euro per 101 unità di N/ha).

Frumento tenero: produzione e reddito

Il frumento biologico ha prodotto 4,97 t/ha contro 6,24 t/ha del convenzionale (+20%) a causa del minor numero di semi per spiga collegato ai minori apporti azotati. Si è inoltre notato che la granella biologica ha un minore contenuto proteico (-12%) e più elevati contenuti in rame e zolfi per i prodotti impiegati nella difesa.

Le tesi biologiche hanno evidenziato una maggiore incidenza di ruggine. Il reddito netto finale del biologico è risultato inferiore per le due varietà in prova (Rebelde e Ilaria) rispettivamente di -225 euro e di -180 euro/ha. Quindi il maggior valore della PLV non ha compensato i più elevati costi del biologico.

I costi del mais

Il costo totale delle operazioni colturali del mais:

  • 750 euro/ha nel biologico
  • 670 euro/ha nel convenzionale (-12%)

I costo totale dei mezzi di produzione:

  • 1251 euro/ha nel biologico
  • 519 euro/ha nel convenzionale (-41%)

Il maggiore costo è imputabile al concime organico distribuito alla dose di 1000 kg/ha, con un costo di 375 euro per un totale di 142 unità di N/ha.

Nel mais biologico un grosso problema emerso nella sperimentazione è stata la gestione delle infestanti.

Mais: produzione e reddito

Il mais biologico ha prodotto nella media dei due ibridi 9,1 t/ha contro 12,5 t/ha del mais convenzionale (+27%). Il minor numero di piante alla raccolta del mais bio (-15%) va imputato alla minore efficacia della concia biologica. La produzione è risultata molto diversa nei due ibridi in prova.

L’Ibrido A (P1028) nel bio ha prodotto 10,7 t/ha e nel convenzionale 11,90 t/ha. L’ibrido B ( DKC 5830) nel bio ha prodotto 7,60 t/ha e nel convenzionale 13,0 t/ha. Quindi il reddito netto (grazie alla maggiore quotazione della granella bio) è a favore del bio per l’ibrido A (+375 euro/ha), mentre è inferiore di 742 euro/ha rispetto al convenzionale per l’ibrido B.

Due grossi problemi per il mais biologico

La sperimentazione ha evidenziato che nel mais biologico i due colli di bottiglia sono il controllo delle infestanti e la concia del seme, a cui si deve aggiungere il costo elevato dei prodotti organici a basso titolo di azoto. Riteniamo dunque che prima di allargare oltre misura le superfici a biologico occorra fare una profonda riflessione prima tecnica e poi politico-economica per evitare che il nostro paese si trovi tra qualche anno a dover aumentare ancora di più le importazioni di materie prime strategiche come i cereali.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
agricoltura biologicamais

Related Articles

Frumento duro, le migliori varietà per le prossime semine

Anche per il frumento duro, il Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura) ha realizzato per il 44° anno consecutivo

L’orzo nel 2016 ha raggiunto produzioni record. Non dimentichiamolo per le prossime semine

Sappiamo bene che la caduta di prezzo 2016 dei cereali sta provocando molte perplessità tra gli agricoltori alle prese con

Mais, seminare o non seminare? Non fatevi tentare dalle alte temperature

In questi giorni le temperature in Pianura Padana hanno toccato anche i 20 gradi e così molti maiscoltori hanno la

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment