L’agricoltura è senza ministro (ma per favore, Ciampolillo no!)

L’agricoltura è senza ministro (ma per favore, Ciampolillo no!)

«Il vaccino anti Covid non lo farò, perché sono vegano e ho le difese immunitarie altissime. Le mascherine servono solo a fermare l’influenza, non il coronavirus, e poi dobbiamo impiegare prodotti ottenuti dal fiore della canapa indiana per contrastare il Covid-19». Queste dichiarazioni, riportate dal Corriere della Sera, sono di Lello Ciampolillo (nella foto), senatore passato dal Movimento 5 Stelle al Gruppo Misto, che ha votato “sì” alla fiducia per Conte in Senato e quindi si è schierato d’ufficio tra i “costruttori” dell’attuale governo. E come tale attende la giusta ricompensa. Il guaio è che, pur ammettendo che per il momento Giuseppe Conte non gli ha promesso ancora nulla, lui chiede a gran voce di fare il ministro dell’agricoltura.

Vi chiederete perché Ciampolillo ha fatto questa esplicita richiesta, dato che di norma tra chi ci governa nessuno parla mai di agricoltura e, quando si deve affidare il dicastero vacante, solitamente si tira a sorte e il malcapitato non sa mai nulla di agricoltura. Invece il nostro ineffabile Ciampolillo vanta una invidiabile esperienza sui sistemi di lotta alla xylella, il flagello che sta distruggendo gli ulivi del Sud. Sentite infatti cosa dice: «Per salvare gli ulivi dalla xylella propongo tre metodi di cura: il sapone, un concime isrealiano e portare l’albero di olivo a -70°C per 40 minuti. La xylella scompare, l’ho visto con i miei occhi!».

Per questa ultima illuminante strategia, forse Ciampolillo si è confuso con il vaccino anti-Covid di Pfizer, che va conservato a -70°C.

Che dire: non si può che rimanere basiti e attoniti di fronte a dichiarazioni di tale portata demenziale. Che un tale soggetto sieda su uno scranno del Senato della Repubblica italiana è già di per sé una vergogna nazionale, ma che poi costui abbia anche la minima possibilità di diventare ministro dell’agricoltura, fa raggelare il sangue. E se tale infausta eventualità dovesse avverarsi, pensate che sarà Lello Ciampolillo a vigilare sulla scrittura della nuova Pac nazionale post 2023 e su tutti gli altri provvedimenti per la ripartenza… Allora sì che sarebbero dolori!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
agricoltura

Related Articles

Ecco perché i prossimi cinque anni sono decisivi per la sopravvivenza delle aziende agricole

L’Europa ci ha messo cinque anni per delineare le linee di sviluppo per l’agricoltura nei prossimi cinque anni, ma gran parte di

Agricoltura, tre casi per i quali non si ha la nuova Pac

Caso 1. Due agricoltori hanno costituito una società senza chiudere le loro aziende di origine. Hanno acquistato titoli nel 2014

Prezzi cereali: cosa è successo da agosto a novembre e cosa possiamo aspettarci per il prossimo anno

Nessuno ha la palla di vetro e chi lavora nel settore cerealicolo è ormai abituato a un mercato che non

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment