Mais da granella con tre sistemi di lavorazione del terreno: al via il secondo anno di Kverneland Academy

Kverneland Group Academy e Università di Perugia mettono sotto la lente dei conti economici il mais da granella, dopo che la stagione 2017/2018 è stata dedicata al frumento foraggero e al mais da insilato.

L’attività sperimentale di pieno campo, su parcelloni di oltre un ettaro cadauno, viene realizzata presso l’azienda Villagrossa dei F.lli Fortuna a Casteldario (Mantova), mettendo a confronto lavorazioni tradizionali con aratro Kverneland 2500 S Variomat, minima lavorazione con Kverneland CTC e strip-till con Kverneland Kultistrip, abbinando tre livelli di precisione, come ci illustra nel video qui sopra l’agronomo Bruno Agazzani della Speziali Antenore di Roncoferraro.

A metà del mese di ottobre sono state già effettuate tutte e tre le lavorazioni, con il coordinamento tecnico di Agazzani. L’aratro 2500 S Variomat, il CTC e il Kultistrip hanno lavorato su terreni mappati da Agrisoing e ricoperti da residui colturali di mais.

fonte: Kverneland Group Italia

Visione d’insieme delle parcelle destinate alla prove con il risultato della mappatura del suolo di Agrisoing, che mette in evidenza zone con differenti caratteristiche fisiche e chimiche e diversi livelli di fertilità.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.



Related Articles

La follia dell’aratore: distruggere la fertilità dei terreni con costi enormi

Era il 1943 e non si parlava ancora di minima lavorazione e di sodo, ma Edward H. Faulkner in un

Avvicendamento colture e cover crops in pianura e collina: un successo con l’agricoltura conservativa

Per convincere gli scettici contro l’agricoltura conservativa, non c’è nulla di meglio che riportare dei casi concreti aziendali. Lo ha

Dalla sostanza organica dipendono la fertilità del suolo e la produttività delle colture: ecco perché

Ogni tanto sarebbe opportuno che i nostri agricoltori, ma anche i contoterzisti, facessero un rapido ripasso di alcune basi agronomiche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment