Campagna finanziaria Young 140

Attenzione al calcolo delle superfici per il greening

Attenzione al calcolo delle superfici per il greening

Nutriamo forti sospetti sul fatto che risulti chiaro a tutti i nostri amici agricoltori che per il calcolo della superficie dedicata alla diversificazione colturale e per il calcolo della superficie destinata al 5% di area ecologica, ci si debba comportare in modo diverso.

Per la diversificazione

Per la diversificazione colturale (2 0 3 colture a seconda che la superficie a seminativo sia entro o superiore ai 30 ha) la superficie totale da considerare è solo quella dei seminativi.

Per le aree ecologiche

Per il calcolo del 5% di area ecologica, alla superficie totale dedicata alla produzione si devono aggiungere anche le cosiddette tare, cappezzagne, fossi aree di rispetto e così via.

Ancora una volta questa benedetta Pac è davvero una selva di complicazioni delle quali il mondo agricolo poteva davvero fare a meno!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Mais e orzo: facciamo due conti e valutiamo la redditività con Pac e Psr e pagando l’affitto

In questi giorni gli agricoltori si affannano a capirci qualcosa su come gireranno i conti nel 2016 e negli anni

Agricoltura: in tre anni di Pac usato solo il 4% delle risorse assegnate all’Italia

Su una dotazione complessiva sino al 2020 di 20,87 miliardi di euro per i 21 Piani di sviluppo rurale regionali e

Pac: i vincoli per le azotofissatrici utilizzate nelle aree ecologiche (EFA)

Le aziende agricole che hanno più di 15 ettari a seminativo sono obbligate dalla nuova Pac a destinare il 5%

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*