Kverneland ad Agritechnica

Cereali, minima lavorazione e semina a 18 km/h: la prima messa in campo della Kverneland u-drill

In un nostro precedente articolo, abbiamo documentato dal campo i risparmi che si ottengono, in ore lavoro e litri di gasolio, utilizzando la nuova Kverneland u-drill, che oggi desideriamo descrivere nelle sue principali caratteristiche dopo la prima messa in campo dei giorni scorsi.

Questa seminatrice può entrare direttamente in campo anche su terreno sodo, a patto che non ci siano troppi residui colturali e di notevole dimensione. Nel video che presentiamo qui sopra, la u-drill semina direttamente su terreno di tipo argilloso che presenta residui colturali di mais da insilato e abbondante liquame. La superficie risulta molto uniforme perché è stato effettuato un livellamento del terreno alcune settimane prima della semina.

Ideale per cereali e semi minuti, la u-drill, con larghezza di lavoro di 3, 4 o 6 metri, è la classica macchina combinata per eseguire la preparazione del letto di semina e la deposizione del seme in un solo passaggio.

La Kverneland u-drill presenta cinque fasi di lavoro, corrispondenti ad altrettanti attrezzi esclusivi, ognuno con una sua funzione specifica per poter lavorare anche su terreno sodo.

Cinque fasi di lavoro

Fase 1 – Livellamento del terreno: viene realizzato con il packer in gomma frontale da 800 mm di diametro, che sminuzza le zolle più grandi, assicurando un perfetto controllo della profondità di tutti gli altri elementi della macchina.

Fase 2 – Preparazione del letto di semina: si ottiene con due file di dischi a forma conica, identici a quelli dell’erpice Qualidisc, con ammortizzatore su ogni disco.

Fase 3 – Compattazione prima della semina: una serie di ruote packer sfalsate tra loro, con diametro 900 mm, completa l’operazione di preparazione di un soffice letto di semina

Fase 4 – Semina: viene effettuata dal falcione CD, dotato di un doppio disco in acciaio che permette un interfila di 12,5 cm. Questo nuovo profilo favorisce una maggiore penetrazione anche in terreni difficili, rendendo possibile una pressione fino a 100 kg per falcione, che può essere limitata inizialmente dalla ruota di pressione, integrata al falcione stesso. Il risultato è una profondità di semina costante anche a velocità elevate, sino a 18 km/ora. La pressione dei falcioni e la profondità di semina possono essere controllate premendo un pulsante dalla cabina del trattore.

Fase 5 – Chiusura del solco: un erpice a denti completa il lavoro per una perfetta copertura dei semi con il terreno fine.

Il packer frontale in gomma seguito da due file di dischi Qualidisc.

Le ruote packer sfalsate tra loro, di grande diametro.

Semina con il falcione CD e chiusura del solco con l’erpice a denti.

Deposizione del concime in due modi diversi

Con la Kverneland u-drill possono essere utilizzati due sistemi di deposizione del fertilizzante.

Nella prima versione è prevista la deposizione del fertilizzante nella seconda fila di dischi lavoranti, per posizionarlo a un interfila di 25cm. La seconda possibilità è invece di depositare il fertilizzante in ogni fila di semina attraverso il nuovo falcione CD a doppia entrata.

La u-drill plus è in grado di distribuire fino a 400kg/h a 15 km/ora.

Isobus e sistema di gestione a fine campo

La nuova u-drill è disponibile con un sistema di gestione programmabile delle funzioni di fine campo. Infatti, premendo un bottone la macchina attiva una sequenza di funzioni: dal sollevamento delle ruote a quello dei dischi lavoranti e fino alla barra di semina, riducendo sensibilmente i tempi di manovra. Tramite questa funzione è possibile l’utilizzo di un solo distributore a doppio effetto. Anche il distributore di semina si ferma automaticamente quando la sequenza si attiva e questo impedisce la perdita di semi o di granuli di fertilizzante durante le manovre di fine campo.

Eldos, un nuovo distributore elettrico

Il nuovo distributore elettrico Eldos con i rocchetti per diverse tipologie di semente.

Eldos è un nuovo distributore elettrico utilizzabile per qualsiasi tipo di seme e concime, e il software GEOcontrol tramite un segnale GPS eviterà sovrapposizioni soprattutto nelle testate di campo. Il tutto è gestibile automaticamente o direttamente dalla cabina del trattore o con la funzione manuale.

Quattro rocchetti standard (grano, semi minuti, colza, mais, girasole, eccetera) per semi fini e di grandi dimensioni assicureranno semine perfette. Qualora l‘operatore inserisca il rocchetto errato, il sistema riconoscerà l’errore e avviserà l’operatore della sostituzione. La sostituzione dei rocchetti non necessita di ulteriori utensili e si possono raggiungere volumetrie da 1 a 400 kg/h.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
Kvernelandminima lavorazionesemina su sodo

Articoli correlati

La buona coltivazione del mais: tecniche e consigli

Il mais è la coltura sulla quale agronomi e agricoltori stanno innovando di più sul fronte delle possibili strade agronomiche

Soia, tutte le virtù di una fantastica ‘biofabbrica’

Nel nostro Paese le oleaginose – vale a dire soia, colza e girasole – hanno subito, già a partire dal 2003, una

Le migliori varietà di girasole consigliate per le prossime semine

Centoventi mila ettari concentrati per lo più nelle Marche, in Umbria e in Toscana: è l’estensione in Italia del girasole,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*