Grano duro, Barilla rilancia il contratto di coltivazione per 3 anni con prezzo minimo e premio proteine

Grano duro, Barilla rilancia il contratto di coltivazione per 3 anni con prezzo minimo e premio proteine

Tutto dipende dal tenore di proteine, ma comunque, male che vada, con la varietà Aureo si incassano 219,35 euro/tonnellata se la quota proteica rientra nell’intervallo 13,61-14,00, cioè quella relativa a un grano “declassato”. Ma le quotazioni salgono, e di parecchio, se cresce il tenore proteico, e cioè:

  • Proteine % 14,01-14,20 = 222,23 euro/t
  • Proteine % 14,21-14-49 = 226,08 euro/t
  • Proteine % 14,50-14,99 = 275,00 euro/t
  • Proteine % 15,00-15,49 = 280 euro/t
  • Proteine % oltre 15,50 = 285 euro/t

Questi sono i prezzi alle aziende agricole fissate dal nuovo contratto di coltivazione per grano duro di alta qualità di Barilla, che vale per tre campagne agrarie (2016/2017, 2017/2018, 2018/2019), riguarda tre varietà (Aureo, Svevo e Pigreco) e viene esteso a dodici regioni italiane (Puglia, Basilicata, Campania, Molise, Abruzzo, Lazio, Toscana, Umbria, Marche, Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia).

I prezzi indicati sopra, relativi alla campagna 2016/2017, sono comprensivi del cosiddetto “premio proteine” che vale da 4,81 a 28 euro/tonnellata a seconda della percentuale proteica del raccolto.

Barilla si è impegnata ad acquistare nei prossimi tre anni 900.000 tonnellate di grano duro, che rappresentano il 40% del grano duro acquistato in Italia da Barilla.

Per le prossime due campagne verrà definito il prezzo entro il 30 ottobre di ciascun anno, tenendo conto di quanto stabilito per questa prima campagna e dei costi di coltivazione riparametrati ogni anno sulla base dei prezzi dei concimi azotati e dei carburanti agricoli.

Non c’è dubbio che i prezzi garantiti da Barilla siano decisamente allettanti per gli agricoltori, mettendoli al riparo da quella volatilità di mercato dalla quale ormai non si può prescindere nel fare i conti aziendali e nel giudicare la convenienza o meno di una coltura. Inoltre, con le tre varietà indicate nel contratto e con il percorso agronomico stabilito dal disciplinare di produzione (Granoduro.net), gli agricoltori possono facilmente raggiungere i tenori proteici massimi, a meno che non intervengano condizioni climatiche eccezionali.

Ci auguriamo dunque che sempre più agricoltori diano fiducia ai contratti di coltivazione, che sono gli unici che possono garantire nel medio periodo una remuneratività sufficiente per continuare a produrre grano nel nostro paese.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Barillacontratti di coltivazionegrano duro

Articoli correlati

Pac 2018: le principali novità dopo la revisione di medio periodo

È stata approvata la riforma di metà percorso della Pac (ex Omnibus), presentata nei giorni scorsi a Roma dall’europarlamentare Paolo

Piani Sviluppo Rurale, tutte le risorse regione per regione

1,184 milioni: le risorse destinate dal Veneto ai nuovi PSR Spinta all’innovazione tecnologica in sintonia con la sostenibilità ambientale e

Frumento, accordo tra industria e agricoltori per la gestione condivisa dei prezzi

Che la “guerra del grano” che ci siamo lasciati alle spalle pochi mesi fa abbia prodotto qualcosa di nuovo? Pare

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*