Offerta Botte Kverneland

Santini: ”Da quest’anno minima lavorazione e guida satellitare su 550 ettari, ecco i vantaggi”

Santini: ”Da quest’anno minima lavorazione e guida satellitare su 550 ettari, ecco i vantaggi”

«Abbiamo deciso di contrastare i bassi prezzi di mercato con un cambio di gestione agronomica dell’azienda, investendo sulle nuove tecnologie. Siamo al primo anno e sono molto soddisfatto, perché ho già notato molti aspetti positivi sotto il profilo dei costi». Federico Santini è un giovane agricoltore che guida l’azienda di famiglia a Celladati, in provincia di Cremona, e con coraggio e determinazione da quest’anno ha deciso di voltare pagina.

«Su tutti i 550 ettari aziendali – spiega Federico – abbiamo abbandonato le lavorazioni tradizionali, cioè aratura e almeno due erpicature, sostituendole con un passaggio di minima lavorazione, seguito dalla semina. Solo con il cambiamento nella gestione del suolo, ho già registrato un risparmio di circa 180 euro/ha rispetto all’aratura. Con l’acquisto della nuova seminatrice Kverneland Accord Optima TF Profi e dello spandiconcime Geospread, entrambi a guida satellitare, siamo riusciti in questo primo anno a risparmiare un 4-5% di semente e almeno un 6-7% di concime, grazie alla precisione di distribuzione e alla mancanza di sovrapposizioni. Sono dati economici molto significativi, che si vanno ad aggiungere alla velocità di esecuzione degli interventi in campo che, grazie alle nuove attrezzature, è aumentata almeno del 30% rispetto ai cantieri tradizionali. Questo fatto ci permette di sfruttare al meglio le finestre utili di lavoro, rispettando il suolo e mettendo le colture in condizioni ottimali, e di poter programmare anche i secondi raccolti, per esempio di soia, dopo la raccolta di colza e frumento».

Federico Santini nell’azienda di famiglia a Celladati in provincia di Cremona.

La nuova seminatrice Kverneland Optima TF Profi con il nuovo spandiconcime da 200 litri di capacità.

La TF Profi può essere facilmente utilizzata con trattori inferiori agli 80 Hp e la distribuzione dello spandiconcime può essere anche elettroidraulica, facilitando le operazioni di regolazione, e aumentando notevolmente la precisione nella distribuzione.

La TF Profi può essere equipaggiata anche con telaio a 4 ruote (optional). Le ruote sono completamente flottanti e, attraverso un esclusivo sistema di bilanciamento idraulico, sono in grado di seguire qualsiasi tipo di avvallamento. Il risultato di questo sistema permette alle ruote di livellarsi di oltre 15 cm una dall’altra, assicurando una profondità costante in qualsiasi condizione. Questo sistema, oltre a ridurre sensibilmente i punti di snodo al telaio allungandone la vita, permette di seminare a velocità di oltre 12 km/h.

La trasmissione elettrica e-drive II consente il controllo totale delle funzioni della macchina, in linea con quanto previsto dal protocollo Isobus; l’attivazione/disattivazione automatica delle file; la semplice regolazione dell’investimento di semina; due tipi diversi di Tram Line. Con e-drive II, ogni elemento di semina è gestito indipendentemente da un motore elettrico a bassa tensione.

Il serbatoio del concime può essere dotato di quattro celle di pesatura (opzione) per un controllo costante e preciso dell’erogazione. Un indicatore elettronico registrabile permetterà all’operatore di decidere la quantità di prodotto che dovrà rimanere come “riserva” nello stesso.

In collaborazione con Dekalb, l’azienda Santini dedica 20 ettari a una prova di pieno campo dedicata alle dosi variabili. «Si è partiti con la mappatura del suolo – dice Santini – e su questa base si sono create le mappe di prescrizione della semina a dose variabile, da 7 a 8,5 piante/mq, con l’ibrido DKC 6728, messe in campo con la Optima TF Profi. Così facendo, il maggiore costo della semente, pari a circa il 2% rispetto a un dosaggio standard uniforme, dovrebbe essere ripagato da una maggiore produzione attesa del 7-8%. Alla raccolta verificheremo questa tecnica di semina, utilizzando sulla nostra mietitrebbia il sistema di mappatura della produzione YieldTrakk di Topcon, che monitorare la produzione».

Perfetta emergenza del mais su uno dei campi seminati a dose variabile con la Kverneland Optima TF Profi.

Giorgio Cassarini, marketing manager di Dekalb, aggiunge: «Al nostro progetto di Precision Farming stiamo lavorando da tre anni, nel corso dei quali abbiamo testato e caratterizzato alcuni nostri ibridi in funzione della semina a dose variabile e della diversa tessitura dei suoli. Dal 2017 abbiamo trasferito il progetto al pieno campo, in trenta aziende agricole della Pianura Padana dal Piemonte al Friuli, dove oltre alla mappatura dei suoli, applichiamo il sistema Aquatek per la gestione dell’irrigazione e la mappatura della produzione. L’obiettivo di questo lavoro è fornire all’agricoltore gli strumenti giusti per ottimizzare l’impiego dei mezzi tecnici in funzione delle caratteristiche specifiche di ciascuna azienda, aumentando la redditività della coltura del mais».

Giorgio Cassarini, marketing manager di Dekalb.

Il mais di Santini mostra, a metà maggio, un’emergenza perfetta e anche un ottimo stato di salute, nonostante un’annata con ritorni di freddo.

«Siamo molto soddisfatti della partenza di questo nuovo approccio agronomico – conclude Santini – e siamo certi che sia la strada giusta per aumentare la redditività della nostra azienda».

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Furlani, avanti con la minima lavorazione sulle argille della Valdichiana

Fedeli al motto che solo innovando si può andare avanti in agricoltura, i fratelli Furlani della Società agricola Furlani di

Iorio: grano duro di qualità con l’innovazione tecnologica

Nell’azienda di Lucera (Foggia), Michelangelo Iorio produce grano duro su 85 ettari con ottime rese ed elevati valori di peso

Caligari, ecco quanto si risparmia con la minima lavorazione al posto dell’aratura

Dopo l’installazione di due impianti a biogas da 1 MW cadauno, Caligari ha deciso di puntare sulla doppia coltivazione di

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*