Tag "Barilla"

Torna alla homepage

Barilla e Ferrero sempre più interessati allo zucchero bio, Coprob punta a 1300 ettari nel 2019

«Nonostante sia stato un anno molto difficile per la bieticoltura, la bietola biologica al suo primo anno si è comportata molto bene, confermando le ottime prospettive che si aprono per un nuovo comparto che vede lo zucchero biologico sempre più

Leggi tutto

Grano duro, stoccaggio differenziato e contratti: finalmente gli operatori valorizzano il raccolto

Dopo tante polemiche e perplessità, finalmente qualcosa si muove sul fronte del grano duro nell’ottica di valorizzare il raccolto, prima in campo e poi nello stoccaggio, per garantirsi un flusso commerciale privilegiato, duraturo e più vantaggioso sotto il profilo economico.

Leggi tutto

Grano duro, Barilla rilancia il contratto di coltivazione per 3 anni con prezzo minimo e premio proteine

Tutto dipende dal tenore di proteine, ma comunque, male che vada, con la varietà Aureo si incassano 219,35 euro/tonnellata se la quota proteica rientra nell’intervallo 13,61-14,00, cioè quella relativa a un grano “declassato”. Ma le quotazioni salgono, e di parecchio,

Leggi tutto

Il rilancio del grano passa dal carrello della signora Valeria e dall’innovazione dell’agricoltore

Chi afferma che i cereali vernini non hanno più futuro, è pregato di leggere questo elenco: grano tenero alta qualità grano tenero panificabile grano tenero biscottiero grano tenero pane milanese grano tenero pane piacentino grano duro Barilla cereali bio: frumento,

Leggi tutto

L’industria della pasta investe sul grano italiano. Ora tocca agli agricoltori fare la propria parte

Lo abbiamo scritto tante volte, ma vale la pena ripeterlo ancora: il frumento tenero e duro italiano, da semplice commodity (cioè da materia prima indistinta) deve diventare sempre di più una specialità, con un valore aggiunto costruito sulla qualità legata

Leggi tutto

Le dieci regole d’oro per produrre grano duro di qualità a costi sostenibili

Crediamo di essere bravi produttori di grano duro, ma purtroppo la realtà dice invece che non siamo in grado di soddisfare i fabbisogni nazionali di materia prima, sia in termini di quantità prodotta sia in termini di qualità. Il motivo

Leggi tutto