Dekalb Italia

Il sodo migliora il terreno: i numeri

Il sodo migliora il terreno: i numeri

Tre anni di prove della Facoltà di agraria dell’università di Piacenza (Vincenzo Tabaglio e collaboratori) confermano che rispetto alla tradizionale aratura con rivoltamento della fetta, le lavorazioni conservative (sodo e minima lavorazione) portano benefici tangibili e misurabili ai nostri terreni.

In particolare si è visto che con il sodo in tre anni è aumentato del 10% il tasso di sostanza organica grazie alla non apertura del suolo e al mantenimento in superficie dei residui colturali. Anche la stabilità strutturale degli aggregati passa da un 33% del primo anno a un 37% del terzo anno, mentre la qualità biologica del suolo, con la presenza di microfauna (lombrichi e altri microrganismi) nei primi 10 cm, fa un balzo dal 51 ad oltre il 106% nel terzo anno, con un miglioramento del 108%.

Dunque il sodo, o non lavorazione, anno dopo anno dimostra di migliorare la qualità dei suoli, anche se occorre un periodo di adattamento alle nuove condizioni che può variare dai 3 ai 5 anni prima che il terreno, un tempo sempre arato, ritrovi un nuovo equilibrio produttivo. Per questo si giustificano gli incentivi dei PSR regionali per coloro che adottano le tecniche conservative di lavorazione.

Dopo alcuni anni di sodo, nel terreno tornano i lombrichi.

Dopo alcuni anni di sodo, nel terreno tornano i lombrichi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
minima lavorazionesodo

Articoli correlati

Mais da trinciato: 70 quintali in più all’ettaro sulla minima lavorazione rispetto all’aratura

600 quintali contro 530 quintali all’ettaro: nel PAG (Progetto Agronomico Globale) allestito nell’azienda di Alessandro Rossi a Castiglione delle Stiviere (Mantova),

Il concessionario 3.0 è motore fondamentale per portare l’innovazione in campo

L’industria della meccanizzazione sta sfornando attrezzature innovative sempre più sofisticate, ma anche sempre più utili per l’agricoltore che vuole rimanere

Pag Kverneland, mais alla quinta foglia: non c’è differenza tra arato, minima e strip-till

Se il buongiorno si vede dal mattino, come si dice, ancora una volta si conferma la validità tecnica delle minime

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*