Strip tillage, la tecnica ideale per il corretto utilizzo agronomico di liquami e digestati da biogas

Strip tillage, la tecnica ideale per il corretto utilizzo agronomico di liquami e digestati da biogas

Un’immensa ricchezza, che non è un rifiuto ma una preziosa fonte di fertilità, ci proviene dai liquami zootecnici e anche dai digestati provenienti dai troppi impianti di biogas con i quali abbiamo invaso la Pianura Padana. Ma dobbiamo smetterla di distribuire questa ricchezza con le tecniche obsolete dello “spaglio”, che oltre a creare grossi problemi di volatilizzazione dell’ammoniaca, con conseguenti cattivi odori e perdite di azoto, non offre garanzie di distribuzioni omogenee. Pensate che sono state osservate perdite oscillanti tra il 14 e l’80% di azoto ammoniacale!

Oggi sono disponibili diverse tecniche di interramento di liquami e digestati per il loro corretto uso agronomico, tra le quali lo strip tillage o lavorazione a strisce, che sempre più interesse sta destando tra gli agricoltori e i contoterzisti propensi a innovare. Lo strip-till, ovvero la minima lavorazione a strisce, è un compromesso ideale con il quale si lavora il terreno a 15-20 cm di profondità, ma solo nella fascia larga 15-25 cm che sarà interessata dalla successiva o contemporanea semina della coltura, che può essere mais o soia prevalentemente.

Il Kultistrip di Kverneland per la lavorazione a strisce, abbinato a un cantiere per la distribuzione contemporanea alla lavorazione di liquami e di digestati.

Il mais è una delle colture che si avvantaggia maggiormente dello strip-till abbinato alla distribuzione localizzata di liquami e digestati, mostrando una più veloce emergenza e un’espansione maggiore del suo apparato radicale a tutto vantaggio della produzione finale.

L’interfila non seminata rimane coperta dai residui colturali, che hanno il pregio di incrementare il tasso di sostanza organica migliorando contemporaneamente la struttura del terreno.

L’abbinamento allo strip-till di un sistema di distribuzione sottosuperficiale di liquami e di digestati permette di lavorare la striscia di terreno e nello stesso tempo di fertilizzarla in maniera localizzata, consentendo una pronta e precoce emergenza della coltura e un’espansione ottimale dell’apparato radicale, che trova così la giusta dose di umidità e di elementi nutritivi necessari alla crescita. Questi aspetti agronomici sono fondamentali per puntare a maggiori produzioni e ottenere una minore sensibilità delle colture agli stress idrici e ambientali.

Dettaglio del Kverneland Kultistrip al lavoro.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
digestatoKultistripKvernelandstrip-tillstrip-tillage

Articoli correlati

Le dieci regole d’oro per riuscire a produrre più di 40 kg di latte venduto per vacca

In zootecnia, la gestione del sistema alimentare è uno dei fattori più importanti per l’influenza diretta che ha sulla produzione

Allevamenti da latte in crisi di redditività: siamo sicuri che dipenda solo dal prezzo del latte?

Produzione Lorda Vendibile (PLV) per vacca allevata: da 6.591 euro a 3.619 euro. Costo di produzione per 100 litri di

Trinciato di mais: le regole d’oro per un insilamento che garantisca un prodotto di alta qualità

Come e quanto insilare? La domanda non è nuova tra gli agricoltori, ma basta conoscere poche e semplici regole per

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*