Avvicendamento colture e cover crops in pianura e collina: un successo con l’agricoltura conservativa

Avvicendamento colture e cover crops in pianura e collina: un successo con l’agricoltura conservativa

Per convincere gli scettici contro l’agricoltura conservativa, non c’è nulla di meglio che riportare dei casi concreti aziendali. Lo ha fatto di recente l’Informatore Agrario con un resoconto che riassumiamo brevemente perché molto utile ed efficace.

Piemonte

Mattia e Franco conducono 70 ettari in provincia di Biella su terreni limosi. Nel 2011 l’azienda si converte al sodo.

L’ordinamento colturale prevede il mais avvicendato con soia, cereali a paglia, sorgo, colza e leguminose come favino e pisello proteico. Vengono seminate anche le cover crops.

Il passaggio al sodo punta a ridurre i costi colturali e del lavoro. Sono stati venduti aratri, erpici, scarificatori e seminatrici convenzionali.

Grazie alla tecnica conservativa si è migliorata la portanza dei suoli, riuscendo a entrare in campo in diversi momenti della stagionee  allargando la finestra temporale anche in vista delle seconde semine.

Umbria

Giacomo coltiva 160 ettari di seminativi in provincia di Perugia su terreni argillosi e ricchi di scheletro e in pendenza (40%) con poca sostanza organica.

La conversione al sodo avviene nel 2013 per cercare di contenere l’usura e le spese di manutenzione delle macchine dovute a lavorazioni tradizionali di suoli molto argillosi. Inoltre l’erosione produce una perdita notevole di suolo, costringendo Giacomo a dover compensare la diminuzione di fertilità con dosi crescenti di fertilizzanti.

Le colture in avvicendamento sono frumento tenero e duro, favino ed erbai con mix di veccia-avena-loglio.

Oggi Giacomo utilizza le trattrici al 30% rispetto al passato per lavori che sono molto meno pesanti, riducendo le spese di manutenzione e di gasolio.

Campania

Giovanni conduce un’azienda di 200 ettari in collina, in provincia di Benevento, su terreni argillosi e in pendenza (20-30%). Nel 2010 adotta il sodo su una piccola superficie-prova di 6 ettari, seminando di notte per evitare le critiche dei vicini.

L’obiettivo è ottimizzare il fattore lavoro. Le superfici frammentate necessitavano annualmente lo spietramento dopo le arature, con tempi di lavoro insostenibili.

I risultati sono fantastici e ora tutta la superficie è a sodo. L’azienda ha ridotto a 40 litri/ha il consumo di gasolio per tutto il ciclo produttivo, trebbiatura compresa.

Con un trattore gommato a bassa pressione e larga sezione da 160 cavalli, grazie alla migliorata portanza del suolo, svolge tutte le operazioni colturali. Le colture praticate sono cereali a paglia e favino, poi cece ma anche girasole, coriandolo, canapa e colza.

Le produzioni continuano a crescere, come la fertilità del suolo

In tutte le tre aziende esaminate, dopo il periodo di conversione (2-3 anni) le produzioni non solo sono tornate al livello precedente, ma stanno migliorando anno dopo anno.

Per quanto riguarda i noti casi critici, cioè il controllo delle infestanti e dei parassiti, che per molti agricoltori costituiscono un ostacolo insormontabile se abbandonano l’aratura, i tre casi aziendali dimostrano che, se si pratica un avvicendamento ampio delle colture, se si seminano le cover crops e se si azzerano tempestivamente le infestanti e le banche semi, i problemi vengono superati brillantemente.

Come sempre, è la competenza e la professionalità dell’agricoltore che fa la differenza.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura conservativacover cropssemina su sodo

Articoli correlati

Letto di semina pronto con un solo passaggio con il Kverneland CTC

Il coltivatore Kverneland CTC, insieme al CLC e all’erpice Qualidisc, è l’attrezzatura per la minima lavorazione che sta sostituendo pian piano le classiche

Cresce il grano duro al nord. E fa guadagnare di più su sodo e minima lavorazione

Anche nel 2015 molti agricoltori del nord Italia hanno abbandonato una parte del grano tenero per seminare più grano duro

Minima e strip-till in campo nel mantovano al posto di aratura ed erpicatura: velocità e risparmi

Il CLC pro e il Kultistrip, insieme alla seminatrice Optima HD e drive di Kverneland, hanno sfidato le tradizionali arature

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*