Tag "Kultistrip"

Torna alla homepage

Ottimo strip-till anche con abbondanti residui: il segreto è la perfetta regolazione della macchina

C’è ancora molto scetticismo attorno alla tecnica di minima lavorazione del terreno chiamata strip-till, o “lavorazione a strisce”, con la quale si prepara il terreno solo su quelle porzioni dove passerà la seminatrice lasciando nell’interfila tutti i residui colturali. Questa tecnica

Leggi tutto

Il pronostico del contoterzista: “Fra due anni l’agricoltura di precisione sarà chiesta sempre di più”

«Dalla campagna scorsa abbiamo iniziato a fare le mappe di raccolta per alcuni nostri clienti e ci siamo dotati di uno spandiconcime innovativo come l’Exacta GEOspread TL di Kverneland, munito di satellitare, per lavorare sempre con la massima accuratezza e

Leggi tutto

Strip-till su terreni forti e su loietto da sovescio: un altro successo del Kultistrip

Che lo strip-till sia una tecnica di minima lavorazione per il mais o la soia di sicuro avvenire, lo dimostrano anche queste due esperienze fatte dalla ditta di contoterzismo Speziali con il Kverneland Kultistrip presso la Società Agricola Borgolibero di

Leggi tutto

Strip-till: il segnale RTK è indispensabile, se si vuole seminare con precisione

Lo strip-till (o “lavorazione a strisce”) è il sistema di agricoltura conservativa che nei prossimi anni avrà maggiore successo, in quanto è una via di mezzo tra sodo e minima lavorazione e si presta a essere applicato su qualsiasi tipo di

Leggi tutto

Il Kultistrip lavora solo le bande di semina: l’ideale è fare l’operazione in autunno sui residui colturali

Lo strip-till è il sistema di minima lavorazione che probabilmente avrà il maggiore sviluppo in Italia, quando gli agricoltori avranno compreso e verificato i vantaggi che offre a chi fa mais e soia (» leggi la nostra guida sullo strip-till

Leggi tutto

Strip tillage, la tecnica ideale per il corretto utilizzo agronomico di liquami e digestati da biogas

Un’immensa ricchezza, che non è un rifiuto ma una preziosa fonte di fertilità, ci proviene dai liquami zootecnici e anche dai digestati provenienti dai troppi impianti di biogas con i quali abbiamo invaso la Pianura Padana. Ma dobbiamo smetterla di

Leggi tutto

Pag Kverneland, mais alla quinta foglia: non c’è differenza tra arato, minima e strip-till

Se il buongiorno si vede dal mattino, come si dice, ancora una volta si conferma la validità tecnica delle minime lavorazioni confrontate con l’aratura tanto “amata” da ancora molti agricoltori. Nel PAG (Progetto Agronomico Globale) realizzato per il secondo anno

Leggi tutto

Minime lavorazioni del terreno nel bresciano con semina contemporanea del mais

Oltre a far risparmiare sui costi delle lavorazioni (ore di lavoro e gasolio), i sistemi di minima lavorazione consentono di effettuare contemporaneamente anche la semina, con un notevole risparmio di tempo e sfruttando al meglio le finestre utili di lavoro.

Leggi tutto

Minima e strip-till in campo nel mantovano al posto di aratura ed erpicatura: velocità e risparmi

Il CLC pro e il Kultistrip, insieme alla seminatrice Optima HD e drive di Kverneland, hanno sfidato le tradizionali arature ed erpicature su un terreno ricoperto da residui colturali e infestanti nel mantovano. L’obiettivo è quello di confrontare i costi delle

Leggi tutto

Minima lavorazione e aratura: secondo anno di confronto nel Pag dell’azienda Cavazzini

È partito il secondo anno del PAG (Progetto Agronomico Globale) di Kverneland Group Italia in collaborazione con Dekalb nell’azienda Cavazzini di Acquafredda (Brescia), dopo il successo dello scorso anno (vedi articoli). Anche quest’anno vengono messi a confronto aratura ed erpicatura, cioè

Leggi tutto