Kverneland CLC Pro: l’attrezzo polivalente per la minima lavorazione

Quando si dice “vedere per credere”, il detto si adatta perfettamente alla minima lavorazione del terreno ricoperto da residui colturali e/o infestanti, dove la maggior parte degli agricoltori ritiene indispensabile la classica aratura seguita da due erpicature. Ma perché sprecare tanto tempo e tanti euro in più per il gasolio?

Nel corso della giornata “Kverneland Field Day” organizzata lo scorso 13 luglio da Kverneland Group Italia presso l’azienda Le Colombaie di Visano (Brescia), i concessionari e gli agricoltori intervenuti hanno potuto verificare di persona l’importanza di disporre di attrezzi ben progettati e ben costruiti se si decide di non arare e di preparare il terreno con un unico o al massimo due passaggi.

Il coltivatore CLC Pro, nella classica versione con tre file di denti con disposizione asimmetrica e ben distanziate tra loro, una fila di dischi Gang e il rullo Actipack, su un terreno sodo molto tenace ha dimostrato tutte le sue capacità di lavorare senza invertire la fetta di terreno, assicurando una giusta profondità di lavoro, costante su tutta la sua larghezza. Il terreno è così pronto per la semina e non occorre effettuare altri passaggi.

Notare il disco di contenimento o di bordura a lato della fila di dischi Gang.

Il CLC messo in campo al “Kverneland Field Day” ha lavorato alla profondità di 18-20 cm, ma se si tolgono le alette la profondità arriva anche a 35 cm e con i denti da 420-480 mm si ottiene una maggiore lavorazione del terreno.

Il CLC pro può avere il telaio rigido o il telaio pieghevole, con larghezza di lavoro da 3 a 4,90 metri e potenza richiesta del trattore da 120 a 350 HP.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Cos’è lo strip-till, la lavorazione a strisce del terreno

È la nuova frontiera della minima lavorazione, un sistema ideato tanti anni fa negli Usa e che oggi sta incontrando

Minima lavorazione con due passaggi di CLC e Qualidisc: terreno ben livellato e pronto per la semina

Ci sono situazioni di terreno dove i contoterzisti preferiscono fare due passaggi con due attrezzi diversi per preparare con minima

Il mais nel Pag dell’Azienda Frescobaldi: già al primo anno lo strip-till è un successo

«Sui terreni leggeri e sabbiosi, più facili da lavorare, il risparmio è di 270-280 euro/ha; mentre su quelli più difficili

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*