Come sta il mais su aratura e minima? La risposta viene dal satellite

Come sta il mais su aratura e minima? La risposta viene dal satellite

Kverneland Academy 2020 mette a confronto aratura, minima lavorazione e strip-till con tre differenti gradi precisione:

  • 0= nessun sistema
  • 1= seme a dose variabile e fertilizzante a dose fissa
  • 2= seme a dose variabile e fertilizzante a dose variabile

Lo schema delle prove è riassunto qui sopra, dove si nota che le tre tesi a confronto sono state ripetute due volte (A e B) proprio per avere maggiore certezza nei risultati finali. A sinistra c’è l’appezzamento dedicato alla minima e allo strip e a destra l’appezzamento destinato alle diverse tesi con lavorazione tradizionale.

Nei mesi di maggio e di giugno abbiamo rilevato con il sistema Climate Field View di Bayer lo stato vegetativo del mais nelle diverse tesi e nelle diverse zone, tenendo conto anche delle differenze chimiche e fisiche del terreno evidenziate dalla mappatura del suolo effettuata da Agrisoing.

La situazione delle colture a maggio 2020

Nell’appezzamento dedicato a minima e strip-till, sia la mappa della salute sia quella dell’evotraspirazione mettono in evidenza che le tesi a strip-till godono di miglior salute rispetto alle tesi a minima lavorazione. L’evidenziazione in rosso perimetrale mostra una scarsa salute delle piante in prossimità dei fossi e delle cappezzagne.

Questa mappa riguarda l’appezzamento relativo all’aratura con le diverse tesi a confronto. Le tesi con maggior vigore delle piante sono quelle in basso con aratura applicata a seme e concimazione a dose variabile (B1 e B2). In alto a sinistra si nota un’ampia chiazza rossa con uno stato di salute precario, probabilmente correlato a caratteristiche meno favorevoli del suolo.

La situazione delle colture a giugno 2020

Si conferma a distanza di un mese la situazione precedente, con le tesi a strip-till in basso (Strip B1 e B2) in uno stato di salute migliore rispetto alle prove con minima lavorazione (minima A1 e A2).

Anche per quanto riguarda l’appezzamento con l’aratura, si conferma la situazione del mese di maggio con un miglior stato vegetativo delle tesi con seme e concimazione a dose variabile rispetto alle tesi con dose fissa (A0 e B0).

fonte: Kverneland Group Italia

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.



Articoli correlati

Concimazioni a dosi variabili in base alla “fame” della coltura, grazie ai sensori del Geospread

Spandimento del concime accurato anche nei campi di forma irregolare, chiusura automatica delle sezioni per evitare sovrapposizioni, sistema di rilascio

Trattori: la guida assistita è il primo passo per la precisione (e non se ne può fare a meno)

Nei nostri articoli abbiamo sempre detto che l’agricoltura di precisione non significa andare diritto con il trattore, ma tante cose

Stop allo spreco di concimi: la rivoluzione Geospread

«Non avrei mai immaginato che uno spandiconcime arrivasse a una precisione che paragono alla bilancia del farmacista, anche in presenza

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*