Dieci attrezzature agricole per cambiare la gestione della terra e aumentare la redditività

La Società Agrievo di Casalmaggiore (Cremona), di Giampiero Aroldi e Sebastiano Bongiovanni, negli ultimi sei anni ha investito nelle attrezzature innovative di Kverneland che hanno permesso di aumentare la redditività delle colture, razionalizzare i costi e allargare il parco clienti. Nell’intervista video che potete vedere qui sopra (basta cliccare sul pulsante rosso play), Aroldi e Bongiovanni spiegano le ragioni del successo.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all’Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
AgrievoKverneland

Articoli correlati

”La minima lavorazione è un successo agronomico ed economico”

È curioso e di mentalità aperta, non fa l’agricoltore di professione, ma una volta ereditati dal padre i 40 ettari

“Con l’attrezzo agricolo giusto, taglio i costi di lavorazione e preparo un ottimo letto di semina”

Una sessantina di ettari a Canda, in provincia di Rovigo, con frumento, mais, barbabietola e soia. Piergiovanni Saltarin quest’anno su

Come attivare filiere italiane di successo: Francesco Scrano (Syngenta)

L’intervento di Francesco Scrano (Syngenta) al Kverneland Studio’s in occasione dell’EIMA 2014. Argomento: Come attivare filiere agricole italiane di successo.

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*