Dieci attrezzature agricole per cambiare la gestione della terra e aumentare la redditività

La Società Agrievo di Casalmaggiore (Cremona), di Giampiero Aroldi e Sebastiano Bongiovanni, negli ultimi sei anni ha investito nelle attrezzature innovative di Kverneland che hanno permesso di aumentare la redditività delle colture, razionalizzare i costi e allargare il parco clienti. Nell’intervista video che potete vedere qui sopra (basta cliccare sul pulsante rosso play), Aroldi e Bongiovanni spiegano le ragioni del successo.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
AgrievoKverneland

Articoli correlati

Il Kultistrip lavora solo le bande di semina: l’ideale è fare l’operazione in autunno sui residui colturali

Lo strip-till è il sistema di minima lavorazione che probabilmente avrà il maggiore sviluppo in Italia, quando gli agricoltori avranno

L’erpice Qualidisc sulle cover crops Viterra e nella preparazione del terreno per il mais

In occasione della giornata dedicata alle cover crops della linea Viterra organizzata lo scorso 27 aprile da Carla Import e

Kverneland CLC: lavorazione e distribuzione effluenti in un solo passaggio

Sebastiano Bongiovanni di Agrievo illustra i vantaggi che ha ottenuto utilizzando questo sistema di minima lavorazione con il coltivatore Kverneland

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*