Offerta Botte Kverneland

Frumento biologico: le migliori varietà su cui puntare per le semine autunnali

Frumento biologico: le migliori varietà su cui puntare per le semine autunnali

Il Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura) da 15 anni svolge le prove di confronto varietale in varie località per indirizzare gli agricoltori. Abbiamo già dato notizia delle migliori varietà di grano tenero e grano duro per quest’anno; oggi tocca ai consigli per chi vuole seminare frumento tenero in regime biologico.

Va detto subito che per il bio la varietà da seminare deve possedere le seguenti caratteristiche genetiche:

  1. uso più efficiente delle sostanze nutritive e in particolare dell’azoto, attraverso il maggiore sviluppo dell’apparato radicale;
  2. capacità di sostenere la competizione con le erbe infestanti grazie a un elevato indice di accestimento, early vigor e una buona copertura del suolo;
  3. resistenza agli attacchi delle malattie fungine.

Le prove effettuate negli ultimi anni hanno decretato la superiorità delle seguenti varietà:

Frumenti panificabili superiori bio

SY Moissons, Tintoretto, Airbus, Starpan.

Blasco sta perdendo terreno rispetto alle altre costituzioni più recenti.

Frumenti panificabili bio

Calisol, Diamento, RGT Altavista, Marcopolo, Toskani superano la nota varietà Bolero, che per anni è stata un punto di riferimento.

Frumenti biscottieri bio

Addict, Artdeco, Arkeos sono le più produttive e qualitative

Le rese

Nelle prove 2015/2016 la resa media generale è stata di 4,90 t/ha, mentre la resa media generale del 2016/2017 è stata di 6,44 t/ha con punte di oltre 7,60 t/ha (Altavista, Marcopolo e Diamento).

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura biologicafrumentograno tenero

Articoli correlati

Cereali e soia: quanti quintali/ettaro bisogna produrre per pareggiare i costi di produzione?

La domanda è piuttosto comune tra gli agricoltori che coltivano cereali e soia: quanti quintali per ettaro occorre produrre per

Le alternative all’aratura: minima lavorazione e semina su sodo

L’eliminazione dell’aratura comporta i seguenti vantaggi: Aumento della porosità canalicolare grazie all’attività dei microrganismi e delle radici, anche delle cover

Boom della soia non ogm in Italia: superati i 400 mila ettari e i 40 euro/quintale

Ci sono voluti parecchi anni e un prezzo del mais in costante flessione per convincere gli agricoltori italiani che la

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*