Mais da granella con tre sistemi di lavorazione del terreno: al via il secondo anno di Kverneland Academy

Kverneland Group Academy e Università di Perugia mettono sotto la lente dei conti economici il mais da granella, dopo che la stagione 2017/2018 è stata dedicata al frumento foraggero e al mais da insilato.

L’attività sperimentale di pieno campo, su parcelloni di oltre un ettaro cadauno, viene realizzata presso l’azienda Villagrossa dei F.lli Fortuna a Casteldario (Mantova), mettendo a confronto lavorazioni tradizionali con aratro Kverneland 2500 S Variomat, minima lavorazione con Kverneland CTC e strip-till con Kverneland Kultistrip, abbinando tre livelli di precisione, come ci illustra nel video qui sopra l’agronomo Bruno Agazzani della Speziali Antenore di Roncoferraro.

A metà del mese di ottobre sono state già effettuate tutte e tre le lavorazioni, con il coordinamento tecnico di Agazzani. L’aratro 2500 S Variomat, il CTC e il Kultistrip hanno lavorato su terreni mappati da Agrisoing e ricoperti da residui colturali di mais.

fonte: Kverneland Group Italia

Visione d’insieme delle parcelle destinate alla prove con il risultato della mappatura del suolo di Agrisoing, che mette in evidenza zone con differenti caratteristiche fisiche e chimiche e diversi livelli di fertilità.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
Bruno AgazzaniKvernelandKverneland Group Academymais

Articoli correlati

Letto di semina pronto con un solo passaggio con il Kverneland CTC

Il coltivatore Kverneland CTC, insieme al CLC e all’erpice Qualidisc, è l’attrezzatura per la minima lavorazione che sta sostituendo pian piano le classiche

All’Italia serve più mais di alta qualità. Ecco come far recuperare efficienza al sistema

I numeri parlano chiaro: negli ultimi vent’anni l’aumento di produttività del mais in Italia è molto inferiore rispetto per esempio a

Lavorazioni del terreno: perché non occorre andare oltre 30 cm di profondità

Qual è lo strato attivo del suolo dove si concentra la massima attività biologica e biochimica? Ovviamente dove c’è ossigeno, e

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*