Campagna finanziaria Kverneland

No all’aratro: uno studio europeo dimostra i vantaggi delle nuove lavorazioni

No all’aratro: uno studio europeo dimostra i vantaggi delle nuove lavorazioni

Lo dimostra uno studio promosso dall’Ecaf, la Federazione europea per l’agricoltura conservativa che in Italia è rappresentata da Aigacos: grazie al sodo e alle minime lavorazioni, rispetto all’aratura si ottengono i seguenti vantaggi economici e ambientali:

  • Riduzione dei costi di gestione (ore lavorate, gasolio, usure, eccetera) dal 40 al 60%.
  • Incremento medio del 30% di carbonio organico nel suolo con punte sino al 50%.
  • Riduzione delle emissioni nocive in atmosfera del 19%.

Ma non basta. Se tutte le superfici si convertissero all’agricoltura conservativa, dice ancora lo studio, si potrebbe avere un incremento annuo della fissazione di sostanza organica nel suolo pari a 51 milioni di tonnellate. Ma oggi nell’Unione europea ci sono 104 milioni di ettari potenzialmente convertibili all’agricoltura conservativa e quindi c’è tanta strada ancora da fare.

E in Italia? Nel nostro paese si fa agricoltura conservativa su poco più di 420 mila ettari su un potenziale di 8 milioni di ettari da convertire. Se in Italia l’agricoltura conservativa occupasse tutti i terreni, la riduzione di emissioni di anidride carbonica in atmosfera sarebbe pari al 24,28% della quantità di CO2 che l’Italia si è impegnata a non immettere più in atmosfera entro il 2030. Dunque gli agricoltori potrebbero dare una grossa mano a raggiungere gli obiettivi nazionali. Senza contare tanti altri benefici ambientali come la diminuzione di lisciviazione e ruscellamento nelle aree collinari e il miglioramento della salute globale dei terreni.

Chi fa agricoltura conservativa da anni lo sa bene, e tutti gli altri debbono cominciare a convertirsi, anche poco a poco. L’importante è che si decidano a intraprendere un nuovo percorso, anche mentale!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Cresce il grano duro al nord. E fa guadagnare di più su sodo e minima lavorazione

Anche nel 2015 molti agricoltori del nord Italia hanno abbandonato una parte del grano tenero per seminare più grano duro

L’ambientalista indiana Shiva critica, ma non conosce l’agricoltura moderna

«Oltre a distruggere la biodiversità, l’agricoltura industriale è tra le responsabili della produzione di gas serra. L’agricoltura biologica invece riduce

Il Kultistrip lavora solo le bande di semina: l’ideale è fare l’operazione in autunno sui residui colturali

Lo strip-till è il sistema di minima lavorazione che probabilmente avrà il maggiore sviluppo in Italia, quando gli agricoltori avranno

1 commento

Scrivi un commento
  1. Michelp Monetta
    Michelp Monetta 23 ottobre, 2017, 20:35

    Tutto vero se non fosse che si fa largo uso di glifosato, principale inquinante delle acque di superficie (ce lo beviamo) e di profondità (inquinante dei mari) con tutte le conseguenze. Se a questo aggiungiamo che è cancerogeno anche per chi lo utilizza tutti vantaggi ambientali in termini di CO2 vanno a farsi fottere. Spero che domani la Commissione UE decida per il divieto di utilizzo per cominciare a fare seriamente semina su sodo bio

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*