Campagna finanziaria Young 140

Ottima emergenza del Ludwig nel PAG di Castiglione

Ottima emergenza del Ludwig nel PAG di Castiglione

Il Progetto Agronomico Globale, il laboratorio agronomico a pieno campo lanciato da Kverneland nell’azienda di Alessandro Rossi a Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova (ne avevamo parlato in un articolo precedente), ha iniziato il suo percorso nel migliore dei modi, con una emergenza perfetta del frumento foraggero Ludwig seminato con la combinata S-Drill dopo che il terreno era stato trattato con il coltivatore CLC di Kverneland.

Come si vede dalle immagini, nonostante la straordinaria abbondanza di sassi frammisti al terreno, la seminatrice S-Drill ha lavorato egregiamente, garantendo una deposizione molto omogenea del seme per un investimento ottimale.

La fantastica emergenza del frumento foraggero Ludwig seminato su minima lavorazione dalla seminatrice combinata S-Drill di Kverneland.

La fantastica emergenza del frumento foraggero Ludwig seminato su minima lavorazione dalla seminatrice combinata S-Drill di Kverneland.

Nonostante una quantità davvero notevole di sassi di varie dimensioni, la seminatrice S-Drill di Kverneland ha garantito una precisione di semina straordinaria e una emergenza perfetta del Ludwig.

Nonostante una quantità davvero notevole di sassi di varie dimensioni, la seminatrice S-Drill di Kverneland ha garantito una precisione di semina straordinaria e una emergenza perfetta del Ludwig.

A marzo semina del mais e più avanti soia di secondo raccolto

Nel mese di marzo, appena le temperature lo consentiranno, sull’altra metà dell’appezzamento verrà seminato un ibrido di mais su minima lavorazione; e dopo la raccolta del Ludwig si seminerà soia di secondo raccolto su sodo.

I partner agronomici del PAG Kverneland di Castiglione delle Stiviere sono BayerCropScience per il diserbo e la difesa e Agrium per il piano di concimazione.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Novità 2018: anche la soia si semina a dose variabile. La nostra prova

Per il mais è una pratica già collaudata positivamente, ma la semina a dose variabile potrebbe riservare sorprese positive anche

Soia, ecco i motivi tecnici che rendono indispensabile l’acquisto del seme anziché l’autoriproduzione

Il nostro recente articolo sul seme di soia ha suscitato alcune domande specifiche dei lettori che desiderano sapere con esattezza, al

La semina del mais nel PAG di Castiglione delle Stiviere

Sull’appezzamento dedicato al PAG (Progetto Agronomico Globale) di Kverneland Group Italia presso l’azienda Rossi di Castiglione delle Stiviere (Mantova) si

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*