Dekalb Italia

Più soldi Pac per i giovani agricoltori: il pagamento sale dal 25% al 50%

Più soldi Pac per i giovani agricoltori: il pagamento sale dal 25% al 50%

A partire da quest’anno, l’importo del pagamento Pac per i giovani agricoltori passa dal 25% al 50% del valore medio dei titoli detenuti, in proprietà oppure in affitto. Tutto questo vale sino a un massimo di 90 ettari.

Il vantaggio è notevole, dal momento che il pagamento è proporzionale al valore dei titoli individuali, e quindi chi possiede titoli di valore elevato beneficia di un pagamento per giovani agricoltori elevato.

Questo pagamento è concesso per un periodo di cinque anni senza riduzione dovuta al numero di anni trascorsi dalla data di primo insediamento, come accadeva sino al 2017. I cinque anni si applicano anche agli agricoltori che hanno percepito il “pagamento giovani” in relazione a domande anteriori all’anno di domanda 2018.

Chi sono i giovani agricoltori

Si ricorda che sono considerati giovani agricoltori coloro che rispecchiano i seguenti requisiti:

  • Età inferiore ai 40 anni nell’anno di presentazione della domanda unica.
  • Insediamento per la prima volta come capo-azienda o che siano già insediati nei cinque anni che precedono la prima presentazione di una domanda per l’adesione al regime del pagamento di base.

Priorità per la riserva nazionale dei titoli Pac

Il giovane agricoltore ha anche una via di accesso prioritaria per poter utilizzare la riserva nazionale dei titoli Pac per due finalità:

  1. Assegnazione di nuovi titoli per coloro che non li detengono.
  2. Aumento del valore dei titoli.

Quali pagamenti Pac percepisce il giovane agricoltore?

Un giovane agricoltore che si insedia e presenta domanda alla riserva nazionale dei titoli Pac percepirà i seguenti importi dei pagamenti diretti:

  • Pagamento di base: circa 220 euro/ha
  • Pagamento greening: circa 110 euro/ha
  • Pagamento giovani: circa 110 euro/ha

Quindi un giovane agricoltore sul massimo di ettari ammissibili, cioè 90 ha, riceverà circa 9900 euro/anno per cinque anni.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Pac 2018: le principali novità dopo la revisione di medio periodo

È stata approvata la riforma di metà percorso della Pac (ex Omnibus), presentata nei giorni scorsi a Roma dall’europarlamentare Paolo

Pac: quali sono i compiti e le responsabilità dei Caa?

Molti lettori chiedono spesso lumi circa i rapporti tra loro e i Centri di assistenza agricola (Caa), che a volte

Cosa prevedono i nuovi PSR per la gestione sostenibile dei fertilizzanti

In alcuni dei nuovi PSR regionali la gestione sostenibile dei fertilizzanti trova riscontro in apposite misure che verranno finanziate all’uscita

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*