Offerta Botte Kverneland

PAC 2014-2020, come calcolare il valore dei propri titoli

PAC 2014-2020, come calcolare il valore dei propri titoli

Il Ministero dell’Agricoltura ha fissato i valori definitivi per calcolare i nuovi valori dei titoli Pac che spetteranno alle imprese agricole italiane. Ecco la formula per il calcolo aiuti Pac 2014-2020, tenendo conto del greening.

Il Valore Unitario Iniziale (VUI) del titolo per ogni agricoltore viene fissato sulla base degli importi a lui erogati nel 2014 e dipende dall’ammontare degli ettari ammissibili all’aiuto nell’anno 2015. Già quest’anno ci sarà un taglio dei pagamenti diretti, pari al -9,7%.

Esempio di calcolo aiuti Pac

Facciamo un esempio per un’azienda con 50 ettari a seminativo e un monte Pac 2014 di 58.669 euro.

Partiamo dalla Pac 2014, cioè quella ricevuta quest’anno, che è la base di partenza per fare i nuovi calcoli. Come detto, quest’anno ci sarà un taglio dei pagamenti diretti: la riduzione del massimale per l’Italia ammonta al -9,7% per l’anno 2014.

Dunque, per cominciare: 58.669 euro x 0,97 = 5.690 euro di riduzione.

Il totale dei pagamenti effettivamente ricevuti nel 2014 sarà allora di 58.669 – 5690 = 52.979 euro.

Il taglio dei pagamenti diretti del 9,7% era stato definito dalle regole della vecchia Pac, che prevedeva un massimale di aiuti per ogni Stato che andava a diminuire di alcuni punti percentuali sino al 2014. Per il calcolo del nuovo valore dei pagamenti diretti si parte dunque, nell’esempio sopraindicato, dai 52.979 euro.

La formula per il calcolo fai da te degli aiuti Pac

Ecco la formula che ogni agricoltore può applicare alla sua realtà aziendale per calcolarsi già da oggi a quanto ammonterà il valore della sua Pac nel 2015.

La formula di base è VUI =  x/y · A/B

  • x/y = 57% (indice fisso per l’Italia)
  • A = 52.979 euro (totale pagamenti diretti Pac 2014, tenendo conto della riduzione)
  • B = 50 ha (Superficie Agricola Utilizzata per il nostro esempio)

Facciamo i conti:

52.979 : 50 = 1.059 euro/ha (valore Pac/ha 2014)
1.059 x 0,57 = 603 euro/ha (nuovo valore unitario dei titoli Pac/ha per il 2015)
603 x 50 ha = 30.150 (valore complessivo Pac 2015 su tutti i 50 ettari, ma parziale poiché non comprende il greening)
52.979 – 30.150 = 22.829 (perdita apparente tra la vecchia e la nuova Pac)

La perdita è solo apparente, perché ora a questa cifra va aggiunto il greening, pari al 30% del valore. I 30.150 euro corrispondono infatti al valore dei pagamenti diretti, ma questa azienda può aggiungere la quota relativa al pagamento verde o greening facendo il seguente calcolo:

Pagamento greening = valore unitario titoli 2015 : 0,57 x 0,30
603 euro : 0,57 x 0,30 = 317 euro/ha (valore unitario pagamento greening)
317 euro x 50 ha = 15.580 (valore totale greening)
30.150 + 15580 euro = 46.000 euro (nuovo valore Pac 2015 reale, poiché costituito da pagamenti diretti + greening).

Come si vede dal calcolo fatto, è indispensabile incassare anche il greening, altrimenti questa azienda rinuncerebbe a ben 15.580 euro!

Ricordiamo che per accedere al greening l’agricoltore ha l’obbligo della diversificazione colturale e deve destinare il 5% della superficie a seminativo alle aree ecologiche. Clicca qui per saperne di più.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Esonerati dalla domanda Pac fino al 2020 gli agricoltori con aiuti fino a 1250 euro

È stata pubblicata la circolare Agea (v. Aciu n. 444 del 6 e 7 ottobre 2015) con la quale si stabilisce che,

Prezzi bassi grano 2016: impariamo la lezione e cambiamo abitudini per le prossime semine

Abbiamo già detto la nostra in un precedente articolo, dove si sottolineava la necessità di eseguire un monitoraggio puntuale sulla

Proprietario di 50 ettari agricoli possiede titoli Pac solo su 20. Quando scade l’affitto, potrà ricevere altri titoli?

Prendiamo il caso di un’azienda agricola di 50 ettari che ha ricevuto i titoli Pac solo su 20 ettari, perché

80 commenti

Scrivi un commento
  1. alias
    alias 12 settembre, 2014, 11:50

    Volevo porre un quesito:

    La mia azienda possedeva al 14/05/2014 € 3000,00 € di portafoglio titoli con 20 ha di terreno. AL 15 Maggio il mio fascicolo è stato aggiornato inserendo 80Ha di terreno. I miei nuovi titoli che valore avranno? Preciso che i nuovi terreni inseriti sono senza titoli e in affitto.

    Grazie Mille

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 15 settembre, 2014, 07:45

      Per quanto riguarda i titoli storici relativi ai 20 ettari già posseduti, la invitiamo ad applicare la formula che trova in questo stesso articolo.
      Per quanto riguarda i “nuovi” ottanta ettari privi di titoli, Lei rientra nel caso previsto della nuova Pac dove il valore iniziale dei titoli sarà molto basso ma nel 2019 non potrà essere inferiore al 60% del valore medio nazionale che dovrebbe corrispondere a circa 250 euro. A questo proposito guardi, sempre nel capitolo Pac del nostro sito, l’articolo “ Come cambiano i pagamenti diretti” dove abbiamo fatto tre esempi tra i quali c’è anche il suo. Ecco il link: http://www.ilnuovoagricoltore.it/pagamenti-diretti-pac-2014-2020-come-cambiano/

      Rispondi a questo commento
  2. alias
    alias 27 settembre, 2014, 17:02

    Grazie per la risposta. Ma in che proporzione aumentano di anno in anno?

    Saluti

    Rispondi a questo commento
  3. MATTEO72
    MATTEO72 6 novembre, 2014, 10:31

    Buongiorno,
    il mio fascicolo aziendale e’ di 12 Ha, quindi devo fare il greening, volevo sapere posso fare cover crops ? mettendo magari erba medica ? e in che termini cambia l’ aiuto qualora fosse possibile?

    Grazie.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 14 novembre, 2014, 15:18

      Il greening comporta i seguenti obblighi: una coltura principale al massimo sul 75% della superficie, e la seconda coltura sul 20%. Sul restante 5% si può fare una azotofissatrice come medica, soia, pisello ecc. Le cover crops si possono fare ma non contano ai fini del greening.

      Rispondi a questo commento
  4. Emanuele
    Emanuele 3 dicembre, 2014, 20:21

    Vorrei sapere se nella formula VUI = x/y x a/b , a e’ quello che ho ricevuto come premio pac 2014 compreso l’art 69 ? E b e ‘ la superficie che ho a disposizione nel 2015 ?

    Rispondi a questo commento
  5. Fabrizio
    Fabrizio 7 gennaio, 2015, 05:53

    Volevo porre questo quesito: la mia azienda nella domanda 2014 e composta da 130 ha in zona svantaggiata senza seminativi, prendo € 3000.00.domanda; con la nuova PAC a quanto ammonterebbero i miei titoli?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 12 gennaio, 2015, 11:41

      Il numero di titoli assegnati sarà pari al numero di ettari ammissibili indicati nella domanda 2015 e le superfici ammissibili sono seminativi, colture permanenti legnose, prati e pascoli permanenti. Il valore unitario dei titoli iniziale dipenderà da due fattori: i pagamenti ricevuti nel 2014 e il numero di ettari del 2015. A questo punto la invito ad applicare la formula per il calcolo del valore dei nuovi titoli che trova in questo articolo.

      Rispondi a questo commento
  6. Paolino6066
    Paolino6066 13 gennaio, 2015, 10:48

    Buongiorno,
    possiedo titoli PAC per un ettaro ai quali quest’anno andrò ad aggiungere altri terreni fino ad arrivare a quasi due ettari in totale.
    Con queste superfici non sarei obbligato ad effettuare il greening ma essendo economicamente più conveniente (perchè oltre al pagamento base percepirei anche il greening) sarei indirizzato a farlo.
    Posso farlo o non è permesso a chi possiede terreni sotto la soglia minima ?
    Inoltre ho dei dubbi ho letto tante cose ma non mi sono ancora chiarito del tutto. Un terreno dato in affitto nel 2014 privo di titoli, nel 2015 verranno assegnati all’affittuario. Al termine del contratto di affitto ritornano automaticamente al proprietario o devo specificare qualcosa nel contratto di affitto. Non vorrei, al termine del contratto doverli acquistare dall’affittuario perdendo il beneficio economico dell’affitto.

    Grazie e cordiali saluti
    Paolo

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 15 gennaio, 2015, 11:24

      L’azienda in questione potrebbe anche prendere in considerazione la possibilità di aderire al cosiddetto Pagamento per i Piccoli agricoltori previsto dalla nuova Pac. Si tratta di un pagamento annuale forfettario che sostituisce tutti i pagamenti diretti e persegue l’obiettivo di una notevole semplificazione burocratica. Possono aderire volontariamente a questa tipologia di pagamento le aziende che percepiscono meno di 1250 euro di Pac. Chi percepisce di più deve accettare un livello massimo di sostegno pari a 1250 euro/azienda. Negli anni successivi si può rinunciare a questa tipologia di pagamento e rientrare nel regime normale. Ecco i vantaggi per gli agricoltori che aderiscono al pagamento semplificato: sono esonerati dal greening, la domanda Pac è più semplice, la condizionalità e i controlli sono semplificati.
      Dunque, sulla base del calcolo che viene indicato in questo articolo soprastante, l’azienda in questione dovrà fare i suoi calcoli per decidere a quale regime di pagamenti aderire.
      Per quanto riguarda la questione dell’affitto, è senz’altro opportuno inserire nel contratto una clausola, prevista dalla nuova Pac, che salvaguarda il proprietario per gli anni a avvenire. Si tratta però di un aspetto molto delicato in quanto ci sono tante tipologie di clausole a seconda delle diverse condizioni contrattuali, quindi è necessario che l’azienda si rivolga ad un consulente esperto di Pac che abbia sotto mano tutta la legislazione in materia, per evitare di fare errori od omissioni.

      Rispondi a questo commento
  7. SANDRINO
    SANDRINO 15 gennaio, 2015, 14:48

    UN’AGRICOLTORE CON SUP. AMMISSIBILE DI 2.00 ETTARI, PAGAMENTO PERCEPITO 2014 DI 3000 EURO, DOVREBBE AVERE UN VALORE TITOLI NUOVI DI CIRCA 1600 EURO NON POTENDO PARTECIPARE AL GREENING, ESISTE QUALCHE ALTRO AIUTO ?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 16 gennaio, 2015, 09:45

      Il pagamento verde o ecologico o greening spetta anche al caso in questione, con il vantaggio che, dati i 2 ettari a coltura, l’agricoltore non deve operare la diversificazione colturale e nemmeno mettere il 5% della superficie a EFA, cioè ad area ecologica, che si applica solo alle aziende con 15 o più ettari a seminativo.

      Rispondi a questo commento
  8. fabrizio
    fabrizio 20 gennaio, 2015, 15:39

    La mia azienda e’ situata in Sardegna acquistando dei terreni in toscana posso utilizzarli nella domanda nuova? Esempio da anni nelle domande uttilizo 130ha ubicati in Sardegna più 65 capi bovini domanda comprando 11ha in toscana e portando li i 65capi bovini posso uttilizarli contemporaniamente anche se sono in 2 regioni diverse ?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 22 gennaio, 2015, 07:36

      La definizione di azienda stabilita dal regolamento è la seguente: “tutte le unità usate per attività agricole e gestite da un agricoltore, situate nel territorio di uno stesso Stato membro”. Quindi non ci riferisce a una singola Regione o ad altre limitazione geografiche.

      Rispondi a questo commento
  9. Fabrizio
    Fabrizio 26 gennaio, 2015, 14:33

    Buonasera,
    Nella domanda 2014 o presentato 130 HA ubicati in Sardegna,nella nuova domanda 2015 devo inserire 110 HA in Sardegna e 20 HA in Toscana.
    Domanda:
    Se porto tutta la mandria(composta da 65 bovini) nei 20 HA della Toscana,sono obbligato a portare la mandria ogni anno in Sardegna per pascolare nei 110 HA?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 27 gennaio, 2015, 06:06

      Salve Fabrizio, come le avevo sottolineato nella precedente risposta, non ci sono limitazioni geografiche regionali per la domanda, poiché la definizione di azienda stabilita dal regolamento è la seguente: “tutte le unità usate per attività agricole e gestite da un agricoltore, situate nel territorio di uno stesso Stato membro”.

      Rispondi a questo commento
  10. MIMMO
    MIMMO 6 febbraio, 2015, 14:09

    Un IAP possiede un uliveto in zona montana di circa Ha 5, ha titoli per € 14.000,00 ed è in biologico (misura 214 az. 2)
    ha presentato D.U. nel 2014 e la presenterà nel 2015 con la stessa estensione, di quanto gli verranno decurtati i titoli?
    Grazie

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 11 febbraio, 2015, 06:03

      La invitiamo a utilizzare la formula per calcolare il nuovo valore dei titoli 2015, che trova qui sopra in questo stesso articolo, e che è valida anche per il caso da lei descritto.

      Rispondi a questo commento
  11. ac
    ac 18 febbraio, 2015, 08:57

    BUONGIORNO, UN’AGRICOLTORE STORICO CHE HA SEMPRE PRESENTATO D.U. CON TITOLI PER 500 EURO E SUPERFICIE AMMISSIBILE DI 3000 MQ, POTRA’ PRESENTARE D.U. 2015?
    GRAZIE

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 19 febbraio, 2015, 11:58

      La nuova Pac prevede un pagamento semplificato per i cosiddetti “piccoli agricoltori”, e il suo caso rientra in questa categoria. La domanda per l’assegnazione dei nuovi titoli (Domanda Unica) va presentata entro il 15 maggio 2015, ed entro il 15 settembre 2015 Agea comunicherà l’importo del pagamento che spetta all’azienda. A questo punto l’azienda dovrà rispondere se aderisce o meno a questo tipo di pagamento.
      Chi partecipa a questo regime per i piccoli agricoltori ha una serie di vantaggi:
      1) è esonerato dalla pratica del Greening (vedi articolo nel sito: http://www.ilnuovoagricoltore.it/greening-esenzioni-sanzioni/ )
      2) la domanda di accesso al regime è più semplice
      3) i controlli sono semplificati.

      Rispondi a questo commento
      • panfilo
        panfilo 19 aprile, 2015, 15:14

        Ma non serve una superficie minima di mezzo Ha?
        Saluti T.L.

        Rispondi a questo commento
        • Roberto Bartolini
          Roberto Bartolini Autore 21 aprile, 2015, 08:33

          Ci risulta che il caso in oggetto rientri in quello previsto per i piccoli agricoltori.

          Rispondi a questo commento
          • panfilo
            panfilo 21 aprile, 2015, 13:08

            Oltre alla normativa, Reg., DM e circolari AGEA, la quaestio è confermata dal fatto che neanche il sistema consente più di fare domanda per superficie inferiore ai 5.000 mq. Saluti T.L.

            N.B.: avevo posto dei quesiti sul criterio di calcolo del CUI del piccolo produttore.

          • panfilo
            panfilo 21 aprile, 2015, 22:25

            Scusate ma ho la sensazione che qui si pubblicano solo i commenti comodi; non si da spazio ne risposta a chi si pone in maniera critica, è la terza volta che faccio delle considerazioni o pongo delle domande di cui non si vuole tenere conto. Devo immaginare che ciò avvenga anche per altri che intendono dare un proprio contributo. Se la redazione non è in grado di rispondere, assicuri la possibilità che il forum si sviluppi a prescindere con un confronto aperto e produttivo. Saluti T.L.

          • Nuovo Agricoltore
            Nuovo Agricoltore 22 aprile, 2015, 12:43

            Gentile lettore, tutti i commenti che riceviamo vengono sempre approvati senza alcuna censura; salvo ovviamente quando si tratta di offese, diffamazioni e altre infrazioni di legge. Il che non è avvenuto nel suo caso, e infatti abbiamo pubblicato ogni commento che abbiamo ricevuto da parte sua. Non capiamo perciò a cosa si riferisce.

  12. antonio
    antonio 25 marzo, 2015, 21:25

    Buonasera, e’ possibile aderire al regime dei piccoli agricoltori pur non possedendo partita iva? l’azienda in questione e’ un agricoltore storico che ha presentato domanda regolarmente nel 2013 e 2014 percependo un titolo di 500 euro con ha 1 ad olivo.

    Rispondi a questo commento
  13. ony52
    ony52 8 aprile, 2015, 21:53

    Salve sono proprietario di 18 ha affittato con contratto ad 1 anno scad. nov. 2015, vorrei sapere se c’e’ modo di ritornare titolari di pac iscrivendo un figlio come agricoltore, quanto puo’ percepire l’attuale affittuario in considerazione che e’ un pastore e usa il terreno solo come pascolo?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 13 aprile, 2015, 07:57

      Salve, il suo è un caso un po’ complicato che richiede la competenza specifica di un funzionario di una organizzazione professionale alla quale può rivolgere la domanda.

      Rispondi a questo commento
  14. gerry
    gerry 28 aprile, 2015, 22:32

    salve ho aderito all’avvicendamento e volevo chiarimenti se potevo fare il sovescio sul favino xche’ la nostra ass.di agricoltori non sanno neanche loro sul da farsi grazie

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 29 aprile, 2015, 17:46

      Nella domanda non si fa riferimento al numero di ettari dedicati al seminativo e nemmeno al numero e al tipo di colture che sono state seminate, quindi possiamo dire solo che, se l’azienda ha più di 15 ettari a seminativo, per avere il pagamento greening deve dedicare il 5% della superficie ad area ecologica, che in questo caso può essere soddisfatta proprio dal favino da sovesciare, dato che questa opzione è presente nel regolamento Pac.

      Rispondi a questo commento
  15. cantiere
    cantiere 23 maggio, 2015, 14:37

    Salve ho 50 ha in zona svantaggiata della sardegna e in D.U 2014 mi sono stati ammessi solo 5 ha con 470 euro di premio per la questione nuovo refresh..nella D.U 2015 mi saranno ammessi tutti 50ha e il premio salira’?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 26 maggio, 2015, 08:47

      Con l’Intesa Stato-Regioni praticamente si ristabiliscono i criteri vigenti fino allo scorso anno (riconoscimento dei pascoli arborati al 50% invece che ridurlo al 30%), scongiurando in questo modo la perdita per le aziende agricole di diversi milioni di euro di premi comunitari, oltre che la beffa delle sanzioni per quelli già incassati.
      Questo è quanto si legge nei comunicati della Regione Sardegna.

      Rispondi a questo commento
  16. orso bianco
    orso bianco 8 giugno, 2015, 14:40

    sono in trattativa per rilevare azz.agricola di 14ha , con diriti di malga x 48ha di prateria posso accedere ai titoli e al greenig?
    sono in una zona tra i 1300/1900m.slm.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 9 giugno, 2015, 17:54

      Per accedere alla nuova Pac ci sono alcuni requisiti indispensabili, tra i quali avere presentato domanda nel 2013. Poi sono previste anche eccezioni. Se scorre il nostro sito nella sezione “Pac, Psr, Attualità” troverà alcune informazioni di base, anche se nel suo caso sarebbe opportuno rivolgersi a un consulente della sua zona per verificare bene la documentazione dell’azienda che intende acquistare.

      Rispondi a questo commento
  17. Eduardo
    Eduardo 17 giugno, 2015, 17:34

    Salve, sono un ragazzo di 29 anni di Catania e vorrei acquistare 10 o 20 ha max di terreno tramite ISMEA. Vorrei chiederle, nel caso in cui il terreno si sprovvisto di titoli, come posso ottenere nuovi titoli? E’ possibile o ne sarei escluso?(considerando che la domanda la potrò fare nel 2016 immagino) Il riferimento del loro valore qual è? quello attuale deprezzato secondo la formula sopra? E la domanda per il greening è da presentare contestualmente? ad esempio nel caso in cui acquistassi un terreno con terrazzamenti?…la ringrazio anticipatamente per una sua risposta.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 23 giugno, 2015, 08:46

      Nel caso il terreno sia sprovvisto di titoli, si può fare richiesta alla cosiddetta Riserva Nazionale dei titoli Pac che è proprio a disposizione per casi come il suo. Inoltre come giovane agricoltore lei ha diritto a un compenso aggiuntivo, come abbiamo scritto in questo nostro recente articolo: http://www.ilnuovoagricoltore.it/pagamento-aggiuntivo-pac-quanto-spetta-a-un-giovane-agricoltore/
      Attingendo dalla riserva nazionale il valore dei titoli riferito al 2015 è attorno ai 180 euro/ha, al quale si aggiungono altri 43 euro circa di Greening, ma attenzione: nel 2016 questi valori potrebbero cambiare in seguito alle richieste fatte nel 2015. Se il terreno ha terrazzamenti questi possono rientrare nel greening, ma occorre verificare se la loro estensione è sufficiente per coprire la percentuale di superficie richiesta dal greening.

      Rispondi a questo commento
  18. paoloflo
    paoloflo 24 luglio, 2015, 15:30

    nel 2014 ho percepito 2300€ di pac per numero 7 titoli, ora mi sono stati assegnati 13 titoli pari a 13 ettari, di cui 8 a grano e 5 a leguminose potrei gentilmente sapere quanto valore avrà il mio nuovo titolo e quindi quanto percepirò di pac….. la ringrazio paolo

    Rispondi a questo commento
  19. gianpy
    gianpy 13 agosto, 2015, 15:26

    se uno ha 78 titoli per un complessivo di 134 ettari una trentina di capi bovini quando percepirà in euro nel 2015

    Rispondi a questo commento
  20. michy
    michy 3 settembre, 2015, 15:52

    Salve ho un azienda in Toscana di vacche nutrici non iscritte al libro LG il terreno è di 120 ettari in zona svantaggiata 38 ettari sono seminativi circa 22 di pascolo cespugliato il restante è bosco I titoli iniziali erano 51 coperti totalmente dalla Pac precedenti nel 2014 son stati ridotti a 48 per le variazioni subite dalle tare dal 20 al 50%di pascoli cespugliati PRECISO CHE DI QUESTI TITOLI 30 erano acquisiti dalle vacche nutrici che ancora posseggo.chiedo se con la nuova Pac ho altre riduzioni? O se tutto rimane invariato? Le vacche le devo sempre mantenere? L’associazione non è stata in grado di darmi una spiegazione ,ringrazio e saluto Michy

    Rispondi a questo commento
  21. pastore
    pastore 8 ottobre, 2015, 21:57

    Buonasera vorrei avere un paio di informazioni possiedo dal 98 circa 40 ettari con superficie utilizzabile 21 ettari prendevo di premi pac 3000 euro con 10 titoli 9 più 1 .mi sembra che confrontandosi con gli altri prendo molto poco quest anno ho superficie utile 24 ettari quando dovrei prendere posso far qualcosa x aumentare i miei titoli ho 37 anni grazie

    Rispondi a questo commento
  22. Saso
    Saso 9 novembre, 2015, 10:07

    Buongiorno, possiedo un terreno 7000mq coltivato con circa 300 piedi di olive in Sicilia. Non ho mai costituito una attività agricola e non ho mai preso contributi. Quante possibilità ci sono di prendere i contributi dalla riserva nazionale visto che la nuova normativa esclude dai titoli i nuovi coltivatori? Su un terreno di questa consistenza a quanto ammonterebbe il contributo? è importante saperlo perché i costi di mantenimento sono eccessivi ed il terreno andrebbe perso.
    grazie

    Rispondi a questo commento
  23. Matteo81
    Matteo81 14 novembre, 2015, 17:33

    Salve volevo sottoporle il mio caso.Nel 2014 ho dato in affitto 3 ettari di terreno x 1 anno su cui beneficiato della pac, ovviamente nel periodo di affitto la pac l ha presa l affittuario. Quest’anno mi sono ritornati i 3 ettari ma se capisco bene dalla formula, il reddito x ettaro e influenzato pesantemente dal fatto che l anno scorso ho dato 3 ettari in affitto, e questo si riperquotera per i prossimi 5 anni. In definitiva e come se avessi perso i tre ettari nel conteggio globale mi conferma? Questa mi sembra una cosa molto strana e “ingiusta”, la legge non contempla casistiche come la mia? Come potrei fare per acquistare i titoli pac anche per i tre ettari affittati nel 2014? X non ovviare a questa situazione avrei dovuto rimanere titolare dei titoli pac sul terreno di affitto ? Ma questo è in contrasto con la regolamentazione di un contratto affittuario.

    Rispondi a questo commento
  24. Spok
    Spok 24 novembre, 2015, 18:44

    Salve
    Non sono agricoltore ma vorrei porre una domanda! Possiedono un terreno 4200 mq con 40 alberi di ulivo percepivo circa 270€ per i titoli mi è stato detto che chi non superava la somma di 300€ non poteva fare la domanda per titoli. Vorrei sapere se acquisto un altro terreno con titoli posso recuperare i titoli persi?

    Rispondi a questo commento
  25. Pierluigi Coresi
    Pierluigi Coresi 28 novembre, 2015, 23:12

    Chiedo se è uscito l’elenco degli aventi diritto ai titoli della riserva nazionale.Se si, come prenderne visione, se no quando usciranno? e il valore.
    Grazie distinti saluti

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 1 dicembre, 2015, 09:22

      Gentile sig. Coresi, per quanto riguarda elenco e valore dei titoli della Riserva Nazionale, non ci risulta che sia uscito ancora nulla di nuovo. In ogni caso bisogna tenere sempre d’occhio il sito di Agea.
      Grazie per averci scritto e per seguirci.

      Rispondi a questo commento
  26. domy24
    domy24 12 dicembre, 2015, 09:53

    Mi chiamo Domenico e mia moglie possiede 9 ettari di terreno….nel 2014 ha ereditato il tutto dal padre per seccessione anticipata e nel 2015 ha presentato regolare domenda all’aiuto percependo le somme dovute..ora con la nuova PAC può avere dei problemi?premetto che sono stati assegnati i nuovi titoli ma ad oggi non ha percepito niete e il sistema presenta un anomalia mi sapreste spiegare meglio se ha perso tutto o ha ancora speranze

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 14 dicembre, 2015, 11:02

      Gentile Domenico, prima lei dice che nel 2015 ha presentato domanda percependo le somme dovute, poco dopo dice che non ha percepito niente. L’anticipo Pac 2015 è stato ricevuto o no? E quali anomalie ritrova nel sistema?

      Rispondi a questo commento
  27. Giuliano
    Giuliano 3 gennaio, 2016, 06:35

    Ho un azienda in fitto di 20 ha priva di titoli con la nuova pac ho diritto ai titoli la superficie è tutta seminativa quanto mi toccherebbe ad ettaro?

    Rispondi a questo commento
    • giuseppe
      giuseppe 4 gennaio, 2016, 10:20

      La sua domanda manca di elementi essenziali per una risposta certa; lei è un giovane agricoltore che prima del 2014 non ha mai fatto domanda PAC? I terreni in affitto quand’è che sono stati caricati nella sua domanda? Lo scorso anno, ossia la DUP 2015 l’ha presentata? Risulta conduttore solo dei 20 ha di cui è affittuario o ha anche altri terreni con annessi titoli? Ha fatto domanda di accesso alla riserva?

      dott. Giuseppe D’Addario

      Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 4 gennaio, 2016, 14:12

      Gentile Giuliano, può rivolgersi al suo Caa regionale d avviare la domanda per attingere ai titoli della riserva nazionale, ma occorre guardare bene come è la situazione del proprietario del fondo. Si tratta di un aspetto un po’ complesso che può verificare solo con carte alla mano e con gli esperti locali.

      Rispondi a questo commento
  28. ginocrodino
    ginocrodino 21 gennaio, 2016, 18:05

    salve, la mia azienda è interamente condotta con metodo biologico e ricevo un premio dal psr regionale (anche se mai arrivato). volevo chiedere se sono beneficiario anch’io del greening e in che misura dovrei fare i calcoli per conoscere l’importo del premio. sembra stupido ma ancora nessuno dei consulenti mi ha dato risposta..tanto meno ne ho ricevuta dai dipendenti degli uffici argea regionali..

    Rispondi a questo commento
    • Giuseppe
      Giuseppe 22 gennaio, 2016, 10:28

      Innanzitutto c’è da considerare il principio “no double funding” ossia l’obbligo di evitare che una stessa
      operazione (biologico nel suo caso) possa ricevere un sostegno da più di un Fondo o altro strumento dell’Unione (1° e 2° pilastro della PAC); essendo quindi la sua azienda in regime biologico, risulta esente dalle pratiche greening, ma bisogna capire se ci sono o meno equivalenze tra gli impegni per il biologico e quelli per il greening proprio per evitare il doppio finanziamento, che nel caso ci fosse verrebbe decurtato sul PSR.
      Per quantificare in maniera più o meno precisa l’importo ad ettaro che le spetta i dati che ha fornito non sono sufficienti, ma credo che rivolgendosi al CAA a cui ha dato mandato, le sapranno dare risposte più veritiere.
      Distinti saluti
      Dott. Giuseppe D’Addario

      Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 22 gennaio, 2016, 10:52

      Per poter beneficiare del pagamento greening, che si aggiunge al pagamento di base della Pac, occorre rispettare alcuni vincoli dei quali abbiamo parlato diffusamente nel nostro sito (si veda http://www.ilnuovoagricoltore.it/tag/greening/ ) relativi all’avvicendamento delle colture e alla predisposizione delle cosiddette aree ecologiche. L’importo del greening è pari al 50,16% del pagamento di base, cioè deve moltiplicare il suo pagamento di base (che Agea dovrebbe già averle comunicato) per 0,5016.

      Rispondi a questo commento
  29. mirko
    mirko 8 marzo, 2016, 14:14

    Buongiorno, mia madre possiede circa 32 Ha tra seminativo e pascolo in zona montana svantaggiata.Nel 2015 ha percepito 3070 € di PAC compreso il greeneng,se trasferisse la sua azienda a me che ho sotto i40 anni, quanto andrei a percepire? Accedere alla riserva nazionale?

    Rispondi a questo commento
    • Giuseppe
      Giuseppe 9 marzo, 2016, 07:52

      Immagino che ci sarebbe un trasferimento di terra e titoli; quindi lei percepirebbe gli stessi importi di sua madre maggiorati del premio giovane agricoltore che dovrebbe essere sotto i 50 € (trattasi di una stima non di un dato certo) a titolo per i primi 5 anni dall’insediamento e/o fino al 40 anno di età.
      A cosa le serve l’accesso alla riserva se ha già tutti gli ettari ammissibili abbinati ai titoli in portafoglio di sua madre?
      Dott. Giuseppe D’Addario

      Rispondi a questo commento
  30. Giuseppe
    Giuseppe 19 marzo, 2016, 23:59

    Io nel 2013 ho preso 30000 euro su 42 di seminativo e 48 di pascolo dato a terzi,nel 3014 mi viene pagato solo il seminativo circa 15000 euro e nel 2015 mettendomi in regola aprendo il codice allevamento e inserendo gli ovini Agr a ha preso l’importo del 2014 che ho preso solo sui seminativo e gli ha spalmato su 90 ettari compreso i pascoli,volevo chiederle dottore ma ci saranno i ricalcoli altrimenti gli animali,il codice e i pascoli non li inserivo proprio, fatemi sapere

    Rispondi a questo commento
    • Giuseppe
      Giuseppe 21 marzo, 2016, 19:44

      Praticamente dalla domanda Pac presentata nel 2014, la circolare Agea dell’11 ottobre 2013 non consentiva più di ricevere premio PAC sui pascoli dati a terzi, come mi pare di capire circa la sua situazione, infatti lei ha percepito nel 2013 l’intero importo ma per la domanda 2014 solo sui seminativi perché il suo codice ateco non riguardava l’allevamento. Nella domanda 2015 sono stati riassegnati i titoli, dove il “montepremi” era rappresentato dal pagamento 2014 mentre gli ettari ammissibili dalla domanda presentata nel 2015; quindi lei ha giustamente percepito € 15.000 su 90 ettari e ha perso i titoli 2013 perché non aveva terreni da abbinarci nel 2014; ricalcoli non ce ne saranno, ma in questo modo lei, avendo di nuovo potuto inserire i pascoli e trovandosi con un titolo di base molto basso, vedrà incrementarsi gli aiuti fino al 2020; collegandosi a questo link http://www.sian.it/titoli/pac20152020/start.do?op=0&referer=http%3A%2F%2Fwww.sian.it%2Fportale-sian%2Fsottosezione.jsp%3Fpid%3D6 e inserendo il CUAA della sua azienda, avrà una proiezione dei suoi importi futuri a patto che la sua azienda faccia pascolo.
      Spero di essere stato chiaro, distinti saluti.
      Dott. Giuseppe D’Addario

      Rispondi a questo commento
  31. giuanni
    giuanni 6 maggio, 2016, 22:32

    scrivo per porre questo quesito :nel 2010 aderisco alla misura214/2difesa del suolo ,PSR2007/13 regione sardegna,che scadeil 16/06/16;avendo intenzione di rinnovarla con il nuovo bandoPSR2014/20deccorrenza 16/05/2016misura10/1/1 vi chiedo se c’è continuità di ordinamento colturale col nuovo bando. Mi spiego meglio:una particella seminata a leguminose nel 2015/16,ultimo anno della misura214/2PSR07/13puòrestare coltivata a leguminose nel primo anno del bando 2014/20? e in una particella coltivata a cereali nel2015/16 si può fare ristoppio nel2016/17 primo anno del nuovo bando2014/20 ,oppure si trascina da un bando all’altro il vincolo dell’alternanza cereali-leguminose?

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 9 maggio, 2016, 11:48

      Il nostro sito svolge esclusivamente una funzione informativa, trattando in forma molto sintetica argomenti di carattere tecnico e normativo. Per questo motivo non siamo in grado di fornire nessuna forma di consulenza online sui casi particolari come il suo, per i quali è necessario rivolgersi alle strutture di consulenza, pubbliche e private, abilitate a questo scopo. Grazie comunque per seguirci e per averci rivolto la domanda.

      Rispondi a questo commento
  32. Emanuele
    Emanuele 19 maggio, 2016, 22:06

    Buonasera,
    Mi è stato attribuito un valore del titolo di riserva nazionale di circa 228€/ha, come penso a tutti quelli che hanno fatto domanda di accesso. Ma il valore corrisponde al pagamento di base? Comprende già il greening? Nel mio caso sono anche giovane agricoltore.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 21 maggio, 2016, 14:22

      Buongiorno Emanuele. A mio avviso il valore corrisponde solo al pagamento di base, al quale vanno aggiunti il greening e il pagamento riservato ai giovani agricoltori. Dovrebbe collegarsi ad Agea per vedere la sua posizione oppure contattare un Caa della sua zona.
      Grazie per averci contattato.

      Rispondi a questo commento
  33. Emanuele Truscello
    Emanuele Truscello 21 maggio, 2016, 19:09

    Anomalie Aventi Diritto – Agricoltore non Avente Diritto
    Blocco calcolo base SI
    Blocco pagamento NO
    Blocco DAR NO
    Premetto che sono un nuovo agricoltore il mio calcolo base e euri 1313 ,sono in possesso di regolare partita iva, e ancora non ho ricevuto risposta ne io ne il caa da l’ ente pagatore non so come comportarmi??

    Rispondi a questo commento
  34. Mandriano
    Mandriano 28 maggio, 2016, 10:06

    Ho ricevuto i titoli da riserva x circa 40 ettari netti relativi all’anno 2015, incrementando nella DU 2016 di circa 20 h la superficie condotta ho la possibilità che mi vengono assegnati nuovi titoli da riserva nel 2016?

    Rispondi a questo commento
  35. verigood
    verigood 8 giugno, 2016, 19:27

    Buona sera volevo un chiarimento nel 2014 mia mamma mi ha dato in affitto i suoi terreni e in pratica anche le sue quote lei lavorava in affitto altri terreni e nel 2014 i contratti d’affitto sono stati fatti con la mia società le quote di questi terreni dovevano passare a me o sono andate perse? grazie

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 9 giugno, 2016, 15:37

      Da quanto scrive non si capisce cosa sia successo nel 2015, dato che cita solo l’anno 2014, che è quello preso a riferimento da Agea per calcolare il nuovo valore dei titoli che dovrebbero essere stati assegnati al proprietario del fondo.
      In ogni caso, abbiamo pubblicato sul sito un articolo che riguarda l’affitto di terra e titoli che le consiglio di leggere: http://www.ilnuovoagricoltore.it/affitto-terreni-e-titoli-pac-facciamo-chiarezza-una-volta-per-tutte/
      Poi rimane da capire cosa farà quest’anno, dato che il termine per presentare la domanda Pac è il 15 giugno. Sarebbe opportuno che si rivolgesse a un Caa della sua zona al più presto.
      Grazie per averci contattato.

      Rispondi a questo commento
  36. murgia maria giovanna
    murgia maria giovanna 10 giugno, 2016, 22:37

    Salve dottore le scrivo perke voglio un consiglio da una persona esperta di materia agraria per avere un consiglio su un mio caso mi kiamo murgi m giovanna e nel 1993 io con mio marito entramo a far parte di una azienda agricola zootecnica allevamento ovini il propietario un amico di famigliaci fece la proposta di unire il nostro gregge con il suo premetto ke gia mio padre era in questa azienda parecchi anni prima. Comunque entrammo in azienda e il propietario lo stesso anno mi diede i terreni per coltivarli propio ame a nome mio anke se il gregge era intestato a ognuno di essi (sia al propietario a mio marito e a mio padre) ,quindi io dal 93 coltivo e conducco a nome mio circa 38etteri poi nel 2010zio.pinuccio (il nome del propietario si ammalo gravemente e decise di cederci l azienda in affito meta a mio padre e i 20 ettari ke conducevo da sempre oltre agli altri ke sono in affitto ke lui stesso mi cedette. Costrtto dai suoi parenti ci fece un contratto d affitto ma lo fece a nome di mio marito ormai anke scaduto .tre anni fa e venuto a mancare e noi abbiamo versato regolare affitto dal 2010 veniamo al dunque i parenti anno deciso divendere l intera azienda e noi abbiamo deciso di acqustare ad un valore giusto ed equo dando ai terreni la giusta quotazione anke perke i terreni si trovano in una zona collinare nn irrigua fredda ma i parenti ci anno fatto un prezzo irragionevole quindi le kiedo dottore io come conduttrice di questa azienda ke possibilita ho di continuare a condurre i terreni visto ke non esiste nessun contratto a mio nome e se non riusciamo ad acquistare devo per forza lasciare premetto che ho acquisito anke i titoli mi scusi scrivo dalla sardegna

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 14 giugno, 2016, 10:35

      Gentile Maria Giovanna, il nostro sito svolge esclusivamente una funzione informativa, trattando in forma molto sintetica argomenti di carattere tecnico e normativo. Per questo motivo non possiamo fornire nessuna forma di consulenza online sui casi particolari come il suo, per i quali è necessario rivolgersi alle strutture di consulenza, pubbliche e private, abilitate a questo scopo. Grazie comunque per seguirci e per averci rivolto la domanda.

      Rispondi a questo commento
  37. Luca Rossetti
    Luca Rossetti 6 ottobre, 2016, 11:31

    Buongiorno, premetto che non sono agricoltore e vorrei alcuni chiarimenti; ho affittato un terreno di circa 3 ettari e l’affittuario aveva richiesto ed ha ottenuto la PAC. A novembre scadrà il contratto che non verrà rinnovato perché l’azienda è insoluta nei pagamenti. So che i titoli non mi rimarranno ma visto che non pagano l’affitto, questi hanno ancora diritto alla PAC o questa può in qualche modo essergli tolta o bloccata ? Inoltre chi riceve la PAC può subaffittare (come nel mio caso) il terreno ? Grazie

    Rispondi a questo commento
  38. Giuseppe D'Addario
    Giuseppe D'Addario 7 ottobre, 2016, 11:15

    Riguardo al suo primo quesito, i titoli che detiene l’affittuario sono esclusivamente del medesimo, quindi nel momento in cui Lei non gli rinnoverà il contratto d’affitto, quest’ultimo deve innanzitutto “scaricare” le particelle dal fascicolo aziendale e i titoli che abbinava ai suoi terreni può, o trovare altri terreni oppure cederli.
    Riguardo al secondo quesito, non è chiaro cosa vuole dire nel senso che se il pagamento PAC lo riceve l’affittuario, che senso ha subaffittarlo? Forse Lei intende che l’affittuario lo affitta a sua volta in modo informale, prendendo lui solo il premio PAC? Sul contratto d’affitto che Lei ha stipulato, dovrebbero esserci una clausole riguardo il subaffitto.
    Cordiali saluti
    Dott. Giuseppe D’Addario

    Rispondi a questo commento
  39. CarloB
    CarloB 30 dicembre, 2016, 17:05

    Buongiorno. Vorrei sapere per quale motivo essendo in europa perchè i contributi agricoli comunitari (PAC o DPB) sono differenti in Francia rispetto a quelli in Italia e di parecchio.
    Grazie.
    Carlo Bocchiola.

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 2 gennaio, 2017, 13:40

      Gentile Sig Bocchiola, nella ripartizione dei fondi destinati all’agricoltura i paesi UE ricevono un budget differenziato in base alla consistenza dell’agricoltura in ciascun paese. Inoltre il budget complessivo assegnato sino al 2020 viene suddiviso nei diversi capitoli di spesa in maniera diversa da ciascun paese membro.
      Grazie per seguirci!

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*