Campagna finanziaria Young 140

Semina del mais su strip-till nel mantovano: sempre più agricoltori chiedono innovazione

Ci vuole pazienza, ma alla fine l’innovazione, se è valida e se viene applicata con la giusta professionalità, convince anche i più tenaci tradizionalisti dell’agricoltura del tempo che fu, quando nessuno faceva bene i conti, perché tanto i prezzi di mercato ripagavano qualsiasi tipo di spesa, anche quelle inutili.

L’innovazione di cui parliamo in questo caso è lo strip-till, cioè la tecnica di minima lavorazione del suolo a bande, che si alternano ad altre bande di terreno dove rimangono intatti i residui colturali della coltura precedente. Questa minima lavorazione viene eseguita con il Kverneland Kultistrip in autunno-inverno con collegamento satellitare GPS e poi in primavera si entra con la seminatrice sempre guidata dal satellite, per deporre il seme esattamente al centro della banda di terreno a suo tempo lavorata.

Il lavoro che presentiamo in questo articolo con video e foto è stato eseguito da Bruno Agazzani, agronomo della ditta Speziali Antenore di Roncoferraro (Mantova), che sta introducendo con successo lo strip-till anche nelle terre del mantovano, con indubbi vantaggi economici per gli agricoltori.

In particolare, nel video in apertura dell’articolo vediamo all’opera la seminatrice Kverneland Optima HD e-drive che semina il mais su strip-till eseguito nell’azienda Corte Parolara di Castelbelforte (Mantova) sui residui di loietto da sovescio. Come si nota, il disco pressatore che segue l’elemento seminatore rimane sollevato dalla superficie del terreno, dal momento che si è in presenza di un terreno tendenzialmente morbido. L’operazione di semina è stata eseguita in maniera ottimale.

Nelle foto che seguono vediamo invece la seminatrice Kverneland Optima di Speziali all’opera su strip-till con residui di soia presso la società agricola Borgolibero di Roncoferraro (Mantova), che ha adottato con successo e soddisfazione il nuovo e sostenibile sistema di lavorazione del suolo.

Ecco come si presenta il terreno preparato con lo strip-till.

La seminatrice Kverneland Optima collegata al GPS semina il mais esattamente al centro della banda di terreno lavorata con il Kultistrip.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Nel 2017 stop alle quote zucchero. È l’occasione buona per il rilancio della bieticoltura italiana

Giochi politici assurdi, che ormai fanno parte della storia poco gloriosa delle nostre trattative comunitarie, hanno ridotto al lumicino una

La macchina giusta e una corretta regolazione: solo così si ha successo nella semina su sodo

In questi giorni dobbiamo prepararci ai secondi raccolti di sorgo, di mais e di soia, che sono indispensabili per far quadrare i conti

Grano duro di qualità Armando, i conti tornano: la risposta a chi non crede nei contratti di coltivazione

Più delle chiacchiere e dei preconcetti, valgono i numeri. E nel caso del grano Armando, la filiera del grano duro

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*