Campagna finanziaria Kverneland

Tra loiessa e mais qual è la coltura principale?

Tra loiessa e mais qual è la coltura principale?

Poniamo il caso, frequente in Pianura Padana, della successione loiessa-mais. Quale delle due colture viene ritenuta principale ai fini della nuova Pac?

La loiessa è considerata coltura principale, cioè occupa il terreno per più giorni, quando è seguita da un mais da insilato che ha un ciclo breve. Ma nel caso venga seminato mais da granella, sarebbe il mais ad essere considerato coltura principale, perché oltre al fatto di considerare i giorni del ciclo vegetativo, si tiene conto anche delle consuetudini agronomiche locali.

Lo sottolinea Ermanno Comegna, esperto di Pac, che ricorda come nella circolare Agea sia scritto che nell’ambito di una successione colturale sul medesimo terreno, colture primaverili estive come il mais e il girasole non potranno mai essere considerate colture secondarie. Ma circa il periodo di coltivazione da tenere conto ai fini del rispetto della coltura principale, è in corso un ulteriore approfondimento.

Dunque questa benedetta Pac è ancora in movimento, e ci si deve aspettare sempre qualche nuova precisazione!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
loiessamaisnuova Pacpac 2015

Articoli correlati

Olio d’oliva: dal 1° luglio 2016 nuove regole e sanzioni per l’etichettatura e la vendita

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 16 giugno 2016 il decreto legislativo n.103/2016, che riporta tutte le nuove norme

Nuovi PSR: ecco quali sono le azioni che vengono finanziate fino al 2020

Ogni Regione ha scritto il suo Piano di Sviluppo Rurale e la maggior parte dei documenti sono ancora sotto osservazione

Boom del biologico: in 9 anni crescita senza sosta a doppia cifra e forti incentivi dai PSR

I consumatori ci credono e gli agricoltori rispondono. Il mercato totale del biologico vale 4.310 milioni di euro, con una crescita

2 commenti

Scrivi un commento
  1. luca
    luca 31 gennaio, 2015, 12:02

    Buongiorno dott.Bartolini, dal punto di vista colturale, la loiessa è la migliore grandezza somministrare alle bovine in lattazione? Cosa ne pensa a proposito di erbai alternativi quali frumento Ludwig o miscuglio di frumento e veccia? Infine, come metodo di conservazione è meglio l’insilamento in trincea o fasciatura? Cordiali saluti

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 3 febbraio, 2015, 07:03

      L’insilamento consente il più delle volte di contenere meglio le perdite di valore nutritivo, ma un ritardo nell’epoca di sfalcio o peggio ancora una cattiva tecnica di insilamento compromettono irrimediabilmente la qualità finale del foraggio. Il silomais tra i cereali e la loiessa tra i foraggi “prativi” non amidacei emergono come le specie a maggior valore nutritivo: il primo grazie al suo tenore in amido, la seconda grazie all’eccellente qualità della componente fibrosa, purché raccolta ad uno stadio precoce di sviluppo (botticella-inizio spigatura). Così si esprime il prof Crovetto dell’università di Milano, che è uno dei massimi esperti italiani di alimentazione delle bovine da latte.

      I cereali autunno-vernini, trinciati a un lunghezza non superiore a 1-2 cm, semplificano, nella preparazione della razione unifeed, quella che è la gestione del taglio degli alimenti in quanto dovrebbero essere semplicemente caricati e miscelati al resto degli ingredienti. In tal modo donano sofficità alla razione e omogeneità alla miscelata con un “effetto fibra” in grado di stimolare la ruminazione. Non va dimenticata la forte appetibilità di questi prodotti legata al loro contenuto in acetato e lattato.

      Per quanto riguarda espressamente il frumento Ludwig la invito a visionare un video molto esauriente sull’argomento che è già nel nostro sito e che trova a questo link: http://www.ilnuovoagricoltore.it/ludwig-il-frumento-foraggero-per-la-vacca-da-latte-alberto-braghin-cerealtecnica/

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*