Spandiconcime Kverneland

Il coltivatore Kverneland CLC alla prova dei terreni tenaci e secchi del foggiano

Minima lavorazione del terreno su stoppie di grano appena raccolto nel foggiano: la nuova sfida del coltivatore Kverneland CLC è avvenuta nel corso di una manifestazione in campo organizzata in collaborazione con il concessionario di zona Faretra.com di Foggia.

Come si vede all’inizio del video, il CLC interra già con un solo passaggio i residui pagliosi, producendo una zollosità già di ridotte dimensioni.

Nella seconda parte del video Sandro Battini, direttore commerciale di Kverneland Group Italia, spiega le caratteristiche e le funzioni del parallelogramma che compone lo scheletro del CLC, unico nel suo genere tra tutti i coltivatori sul mercato, e le prerogative esclusive del rullo Actipack che rifinisce il terreno senza ingolfamenti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Erosione del suolo e ruscellamento a valle: ecco cosa succede quando si ara in collina

Dopo mesi di scarsa piovosità, a novembre si sono succedute violente piogge e anche consistenti nevicate nelle zone collinari e

L’ambientalista indiana Shiva critica, ma non conosce l’agricoltura moderna

«Oltre a distruggere la biodiversità, l’agricoltura industriale è tra le responsabili della produzione di gas serra. L’agricoltura biologica invece riduce

Semina su sodo del mais in condizioni limite con Kverneland Optima HD e-drive

Quando si dice che è la seminatrice a fare davvero la differenza, questo è senz’altro vero, in particolare quando si parla

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*