Offerta Botte Kverneland

Ridolfi: avanti con la minima, ma con le attrezzature giuste

Su 1500 ettari di frumento e orzo gestiti da Terratech di Ravenna, partner agromeccanico di qualità delle aziende agricole associate (4500 ettari di trebbiatura e 2300 lavorati ogni anno), ben 1200 ettari sono su minima lavorazione e 300 su sodo. Un bel successo in un territorio dove gli agricoltori continuano a voler vedere i loro appezzamenti ben affinati come tavoli da biliardo.

La minima lavorazione come “missione”

«È stata una missione tecnica tutt’altro che facile – afferma Andrea Ridolfi (nella foto), direttore di Terratech -ma possiamo dire che siamo riusciti a superare in gran parte le remore che tenevano lontani gli agricoltori dalle lavorazioni conservative. Vedere gli stocchi in superficie non è ancora facile da far digerire a molti imprenditori, ma l’aumento dei costi, oltre che gli innumerevoli vantaggi agronomici che si riscontrano anno dopo anno, stanno facendo breccia anche sulle convinzioni più radicate. In ogni caso teniamo ben presente che non esiste tecnica che vada bene per tutte le situazioni. L’importante è saper essere flessibili e applicare ciò che tecnicamente è più conveniente, analizzando bene caso per caso».

Il sodo rimane ancora una nicchia

E il sodo?

«Abbiamo iniziato vent’anni fa con le prime esperienze e inizialmente fu un successo, ma l’eccessiva applicazione, anche quando le condizioni ambientali e dei terreni lo sconsigliavano, ne ha determinato il successivo declino. Oggi il sodo viene applicato, quando si può, esclusivamente su una parte di frumento e orzo e anche sul sorgo da biomassa seminato in secondo raccolto. Quest’anno con questo sistema abbiamo prodotto oltre 20 tonnellate di sostanza secca per ettaro».

Dunque avanti tutta con la minima lavorazione.

«Sì, la minima lavorazione senza rivoltamento della fetta del terreno nelle sue diverse declinazioni, grazie alla diffusione di attrezzature sempre più performanti, sta fornendo risultati economici positivi a confronto con le lavorazioni tradizionali, anche se poi occorre disporre di seminatrici adatte a deporre il seme su terreni con residui colturali e poco affinati».

La semina su sodo viene praticata da Terratech su alcune centinaia di ettari a frumento e orzo quando le condizioni del terreno lo consentono. L’importante è evitare di fare sodo dove il terreno è calpestato o presenta evidenti ristagni.

La semina su sodo viene praticata da Terratech su alcune centinaia di ettari a frumento e orzo quando le condizioni del terreno lo consentono. L’importante è evitare di fare sodo dove il terreno è calpestato o presenta evidenti ristagni.

Importante scegliere la seminatrice giusta

A questo proposito quest’anno avrete la nuova Optima HD V di Kverneland.

«È una seminatrice che ci è molto piaciuta non solo per il fatto che permette di seminare sia a 75 sia a 45 cm di interfila, ma anche grazie al sistema Geoseed che evita qualsiasi spreco di semente e consente di ottimizzare le densità di semina a seconda delle diverse condizioni operative».

Nella prossima primavera Terratech adotterà per le semine primaverili anche la Optima V di Kverneland, seminatrice di precisione con telaio telescopico e con larghezza variabile tra le file da 45 a 80 cm. L’unità di semina della Optima V è particolarmente adatta a operare, oltre che per la semina convenzionale, anche su residui colturali.

Nella prossima primavera Terratech adotterà per le semine primaverili anche la Optima V di Kverneland, seminatrice di precisione con telaio telescopico e con larghezza variabile tra le file da 45 a 80 cm. L’unità di semina della Optima V è particolarmente adatta a operare, oltre che per la semina convenzionale, anche su residui colturali.

Quali sono i punti forti di una buona seminatrice?

«Alta pressione al suolo dell’elemento di semina con possibilità di regolazioni semplici e veloci, disco di semina capace di aprire bene il solco, possibilità di distribuire concime e geodisinfestante contemporaneamente al seme, efficace chiusura del solco di semina per far aderire bene il terreno al seme per pronte emergenze».

Il segreto di una buona seminatrice è la precisione nella profondità e nelle distanze di semina, ma anche nella capacità di coprire bene il seme deposto tra i residui colturali e zolle poco affinate.

Il segreto di una buona seminatrice è la precisione nella profondità e nelle distanze di semina, ma anche nella capacità di coprire bene il seme deposto tra i residui colturali e zolle poco affinate.

Lo strip-till dietro l’angolo

E lo strip tillage?

«È una tecnica, quella della semina su bande lavorate alternate a porzioni di terreno ricoperte dai residui, che guardiamo con molta attenzione, ma occorre che l’agricoltore venga invogliato con qualche incentivo a metterla in campo. Spero che i prossimi PSR della nuova PAC ci diano una mano per introdurre anche questo sistema di gestione del terreno, che senza dubbio sta fornendo risultati interessanti».

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Rosa: solo con la filiera si può fare reddito

Lo diciamo da anni, e per fortuna ci sono tanti agricoltori che lo riconoscono: coltivare in diretto contatto con chi

CLC, Qualidisc e Kultistrip in campo: basta un solo passaggio, poi si entra con la seminatrice

La seconda parte della giornata organizzata da Battini Agri, concessionario Kverneland per le provincie di Mantova, Verona e Cremona, è

100 quintali/ettaro dal grano Alteo: la buona tecnica premia anche con bassi prezzi di mercato

Nelle fertili pianure padane, ma anche nelle aree interne di collina, la professionalità dell’agricoltore e le corrette agrotecniche pagano sempre.

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*