Offerta Botte Kverneland

Soia seminata su tre tipologie di lavorazione nel Pag Kverneland all’azienda Cavazzini

Soia seminata su tre tipologie di lavorazione nel Pag Kverneland all’azienda Cavazzini

Dopo la semina del mais (vedi articolo), qualche giorno fa è toccato alla soia, la seconda protagonista del Pag (Progetto Agronomico Globale) realizzato da Kverneland Group Italia insieme a Dekalb, Sipcam e Agrium presso l’azienda Cavazzini di Castel Goffredo (Mantova).

Tre diversi letti di semina

L’obiettivo di questo progetto agronomico è di confrontare la redditività della coltura seminata su tre diversi letti di semina: su lavorazione tradizionale (aratura seguita da due o tre erpicature), su minima lavorazione (effettuata dal coltivatore Kverneland CLC) e su strip-till (effettuata dal Kverneland Kultistrip).

Il coltivatore Kverneland CLC per la minima lavorazione al posto dell’aratura.

Il coltivatore Kverneland CLC per la minima lavorazione al posto dell’aratura.

20160405_142504

Il Kverneland Kultistrip per la preparazione del letto di semina a strisce.

Varietà di soia Eiko conciata con il nuovo Optimax

Nel caso della soia è stata scelta la varietà Eiko, gruppo di maturazione I, conciata Optimax, indicata per le aziende che desiderano raccogliere precocemente o nel caso di semine ritardate.

Una piantina di soia con una buona nodulazione che favorirà un’ottimale fissazione dell’azoto atmosferico.

Una piantina di soia con una buona nodulazione che favorirà un’ottimale fissazione dell’azoto atmosferico.

Il seme di soia conciato con tecnologia Optimax presenta un pool di microrganismi e molecole che ottimizzano il processo di nodulazione e permettono quindi la massima efficienza nella fissazione biologica dell’azoto, che è la condizione fondamentale per assicurarsi massima produttività.

In particolare sono presenti batteri della specie Bradyrhizobium japonicum, cioè dei lipo-chito-oligosaccaridi che sono sostanze che inducono la nodulazione, e Penicilli della specie Bilaii che rendono disponibile il fosforo presente nel terreno, uno dei motori per massimizzare l’azotofissazione.

La seminatrice Kverneland Accord Optima HD e-drive depone il seme di soia su terreno gestito con il CLC.

La seminatrice Kverneland Accord Optima HD e-drive depone il seme di soia su terreno gestito con il CLC.

Il Kultistrip in azione. A destra come si presenta il terreno con i residui colturali dell’anno 2016.

Il Kultistrip in azione. A destra come si presenta il terreno con i residui colturali dell’anno 2016.

La seminatrice Kverneland Accord Optima HD e-drive depone il seme esattamente al centro della striscia lavorata grazie all’uso del satellitare che capta il segnale RTK, che ha la precisione di 1 cm.

La seminatrice Optima HD e-drive depone il seme esattamente al centro della striscia lavorata grazie all’uso del satellitare che capta il segnale RTK, con precisione di 1 cm.

Diserbo in post con Sirtaki e monitoraggio dell’umidità del suolo

Il diserbo, data la semina ritardata, verrà eseguito in post-emergenza con il nuovo prodotto Sipcam Sirtaki a base di clomazone con tecnologia Microplus selettiva sulla soia, che controlla le nascite scalari di Abutilon e delle graminacee.

Il monitoraggio della dotazione di acqua del suolo verrà effettuato attraverso sonde collocate in alcune zone dell’appezzamento per individuare i momenti ideali di irrigazione, che sarà effettuata con il rotolone.

Le sonde poste nel terreno per monitorare la dotazione di acqua nel suolo.

Le sonde poste nel terreno per monitorare la dotazione di acqua nel suolo.

Il grafico sull’andamento dell’umidità del suolo costruito grazie alle sonde poste nel terreno in diverse zone con differente tessuitura.

Il grafico sull’andamento dell’umidità del suolo costruito grazie alle sonde poste nel terreno in diverse zone con differente tessitura.

La mappatura della produzione per prepararsi al 2017

Grazie alla mappatura del suolo effettuata su tutto l’appezzamento, si è in grado di posizionare le sonde nei punti dove il terreno cambia di tessitura per poter avere indicazioni sempre più precise.

La raccolta sia del mais sia della soia verrà effettuata dall’azienda Cavazzini con mietitrebbie dotate del sistema satellitare Topcon, che realizza le mappe di produzione, così da poter avere a disposizione tutti i dati necessari per impostare nella prossima campagna una distribuzione a dose variabile sia delle sementi che dei fertilizzanti e dei diserbi.

Come si nota, in questo Pag abbiamo messo in campo il top della tecnologia, a partire dalla lavorazione del terreno (CLC e Kultistrip) e dalla semina (Accord Optima HD e-drive) alla scelta della varietà, del diserbo e della gestione dell’irrigazione e della raccolta. Ora aspettiamo la risposta della mietitrebbia, che dovrà fornire un primo responso che dovrà poi essere riverificato nel corso di almeno altre due campagne prossime venture.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.



Articoli correlati

Come scegliere le migliori cover crops, piante che aumentano la fertilità del suolo

Condifesa Lombardia Nord-Est, in collaborazione con Padana Sementi Elette, anche quest’anno ha realizzato nelle aziende agricole Fratelli Motti e Lussignoli,

Le nuove varietà di grano duro da provare in azienda: una finestra sull’innovazione genetica dei cereali

Chi si appresta a seminare grano duro, e saranno in pochi nella Pianura Padana ma speriamo in tanti nelle altre

Kverneland a-drill, il cantiere ideale per le cover crops

Kverneland a-drill è un nuovo attrezzo per la semina delle cover crops (clicca qui per saperne di più sui benefici

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*