Campagna rottamazione Kverneland

Corretta miscelazione delle stoppie e taglio perfetto: l’erpice Qualidisc sui terreni aridi

La corretta miscelazione delle stoppie è una delle principali regole per un’efficace conservazione del terreno e delle sue caratteristiche. Inoltre, consentire ai residui colturali di decomporsi efficacemente permette al seme una germinazione ottimale, con conseguenti aumenti di produzione.

La progettazione dell’erpice Qualidisc di Kverneland si basa principalmente su questi fondamentali concetti, non dimenticando comunque di garantire all’operatore la versatilità di utilizzo in svariate condizioni di lavoro, dalle più secche alle più umide, immediatamente dopo trebbiatura o trinciature per una miscelazione dei residui.

Dischi di largo diametro

Per ottenere una qualità di taglio eccelsa e un effetto mixing ottimale, il Qualidisc è dotato di dischi forgiati di diametro 573 mm. Il diametro maggiorato consente di lavorare in terreni con molti residui, o nei quali si devono eliminare completamente le infestanti per procedere contemporaneamente con la successiva semina.

I dischi dentellati migliorano la penetrazione e rotazione indipendentemente da qualsiasi residuo.

Il video

Nei video in apertura dell’articolo vediamo il Qualidisc all’opera sui terreni del foggiano nel mese di luglio, in occasione di una giornata in campo organizzata da Kverneland Group Italia e dal concessionario Faretra.com.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
erpiciKvernelandmacchine agricoleQualidisc

Articoli correlati

Dalla sostanza organica dipendono la fertilità del suolo e la produttività delle colture: ecco perché

Ogni tanto sarebbe opportuno che i nostri agricoltori, ma anche i contoterzisti, facessero un rapido ripasso di alcune basi agronomiche

Agricoltura conservativa, non basta eliminare l’aratro. Ecco le altre pratiche da mettere in campo

Nel 1943 un agronomo americano di nome Edward H. Faulkner scrisse un libretto dal titolo “La follia dell’aratore”, che già

Far vivere il suolo per migliorare l’agricoltura: le conclusioni del progetto ”Help Soil”

È arrivato al traguardo il progetto Life Help Soil, la rete sperimentale che ha interessato cinque regioni della Pianura Padana

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*