Campagna finanziaria Young 140

L’idea: seminare oggi la cover Tillage Radish a 75 cm, per il terreno dove vegeterà il mais 2019

Se si farà il mais 2019 con interfila 75 cm, perché sprecare tanto seme di cover crops su tutta la superficie, quando basta seminarla oggi in autunno alla stessa distanza del mais, cioè proprio a 75 cm? Questa buona idea (e non è la prima) è venuta a Bruno Agazzani, agronomo della Speziali Antenore di Roncoferraro (Mantova), che ha pensato bene di sfruttare diversamente dal solito l’azione svolta nel suolo a buona profondità dal grosso tubero del rafano americano Tillage Radish, cover crop della società Padana Sementi Elette.

Dice Agazzani: «Il Tillage Radish preparerà, ci auguriamo con la giusta porosità, la striscia di terreno dove andremo a depositare il seme di mais nella primavera 2019, come se fosse una sorta di strip tillage naturale».

Ecco come si presenta il Tillage Radish all’uscita dell’inverno.

Il tubero ha creato una utilissima macroporosità nel terreno, ma è stato devitalizzato dal gelo, quindi, nonostante le dimensioni, si disgrega solamente a toccarlo.

Il rafano Tillage Radish è una cover crop geliva, cioè si disintegra naturalmente con l’azione del gelo invernale nonostante il tubero sia di notevoli dimensioni, pertanto non ostacola le operazioni successive che si svolgono in primavera.

Un passaggio di Qualidisc e poi la semina del rafano con Optima HD

«Lo scorso 13 di settembre – spiega Agazzani – abbiamo fatto un passaggio con erpice Kverneland Qualidisc sul terreno ricoperto dagli stocchi del mais e dalle infestanti operando, con l’ausilio del satellitare, in maniera trasversale alla direzione di semina del mais 2018, proprio per favorire la migliore disgregazione possibile degli stocchi e delle radici. Nel medesimo giorno siamo entrati in campo con la seminatrice Kverneland Optima HD e-drive per seminare il rafano con interfila a 75 cm. Ora staremo a vedere il risultato nella primavera 2019, in prossimità della semina del mais».

La seminatrice Kverneland Optima HD e-drive al momento della semina del Tillage Radish su alcuni appezzamenti dell’azienda agricola Borgo Libero nel mantovano.

Il seme minuto del Tillage Radish.

Queste operazioni sono possibili solo se si usa il sistema satellitare che consentirà infatti, nella prossima primavera, di posizionare il seme del mais esattamente al centro della fila dove è stato collocato il Tillage Radish. È lo stesso schema operativo che si utilizza con lo strip-till, ma in questo caso, al posto degli organi di lavoro metallici, c’è la forza penetrante naturale del rafano americano.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Pag Kverneland, mais alla quinta foglia: non c’è differenza tra arato, minima e strip-till

Se il buongiorno si vede dal mattino, come si dice, ancora una volta si conferma la validità tecnica delle minime

Lavorazioni del terreno: perché non occorre andare oltre 30 cm di profondità

Qual è lo strato attivo del suolo dove si concentra la massima attività biologica e biochimica? Ovviamente dove c’è ossigeno, e

La slitta che ci fa conoscere meglio il terreno per mettere in campo l’agricoltura di precisione

È un’attrezzatura molto semplice che viene trainata da un quad e riesce a mappare oltre cinquanta ettari di terreno al

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*