Spandiconcime Kverneland

Semina mais a dose variabile: come si imposta la mappa di prescrizione

Nell’azienda di Daniele Pavan a Buttrio (Udine), Kverneland Group Italia, Dekalb e Sipcam hanno deciso di realizzare due campi dimostrativi, uno con il mais e il secondo con la soia, per testare la semina delle due colture a tre differenti livelli di densità di piante al metro quadro, sulla base della diversa fertilità del suolo attestata dalla mappatura del suolo.

Il 24 aprile è stato seminato il mais Dekalb DKC 5530, un classe 400 molto produttivo e particolarmente indicato per la semina a dose variabile, su terreno preparato con tre passaggi alternati di erpice Kverneland Qualidisc e coltivatore Kverneland CLC pro.

Nel video qui sopra potete vedere nella pratica il trasferimento della mappa di prescrizione, realizzata sul computer del centro aziendale, su una chiavetta usb che a sua volta è stata inserita nel terminale Topcon del trattore collegato con la seminatrice Kverneland Optima HD e drive 100% Isobus.

Con una serie di semplici operazioni sul terminale si è realizzata la semina a dose variabile in un appezzamento di circa due ettari, che sarà poi meta di visite guidate per agricoltori e contoterzisti della zona.

Le attrezzature utilizzate da Pavan sono state acquistate dal concessionario Durì Agriservice di Talmassons.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Cari agricoltori, fate come Piergiovanni: fa squadra, è curioso e usa la tecnologia

Uscire dal proprio confine aziendale, mettere da parte l’autoreferenzialità e il motto “Abbiamo sempre fatto così”, dimenticare la pretesa che

Mais: l’ibrido precocissimo ad alta densità per contrastare il cambiamento climatico

Ci vuole la seminatrice adatta per la semina a diamante Ma se si adotta l’alto investimento occorre anche spaziare in maniera diversa

Ludwig, il frumento foraggero per la vacca da latte: Alberto Braghin (Cerealtecnica)

L’intervento di Alberto Braghin (Cerealtecnica) al Kverneland Studio’s in occasione dell’EIMA 2014. Argomento: Ludwig, il frumento foraggero per la vacca

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*