Il drone mappa la vigoria del riso e il Geospread concima a dose variabile

Il drone mappa la vigoria del riso e il Geospread concima a dose variabile

La concimazione azotata del riso, al momento della differenziazione della pannocchia, viene considerata una tecnica fondamentale per puntare all’eccellenza produttiva e qualitativa. Così l’Ente Risi, in collaborazione con l’Università di Torino, ha studiato e messo a punto delle curve di calibrazione che mettono in relazione l’indice di vigoria della pianta con le dosi ideali di concime azotato da distribuire.

Misurare la vigoria della vegetazione

Poiché la vigoria delle piante varia da una zona all’altra dell’appezzamento, occorre misurarla con esattezza punto per punto e, successivamente, predisporre una distribuzione a dose variabile dell’azoto. La tecnologia mette a disposizione dell’agricoltore i mezzi necessari per farlo, che sono il drone per la prima operazione e lo spandiconcime intelligente guidato dal satellite per la seconda.

L’azienda agricola Negri di Trovo (Pavia) produce riso su 230 ettari e quest’anno ha applicato questa nuova tecnica di concimazione su metà della superficie.

Raffaele Negri (con gli occhiali da sole), titolare dell’azienda agricola Negri, insieme a (da sinistra) Riccardo Cucchi, Paolo Lesmo e Jordan Merlotti della ditta Lesmo, concessionaria Kverneland.

Le mappe di prescrizione per distribuire l’azoto

Così l’agronomo Gianluca Rognoni dello studio associato Barbieri e Rognoni di Casteggio (Pavia) illustra la prima fase di lavoro: «Una camera multispettrale montata sul drone rileva l’indice di vigore delle piante e, partendo da questo dato, elaboriamo, con l’ausilio delle curve di calibrazione, le mappe di prescrizione per la distribuzione dell’azoto a dose variabile. Il progetto viene realizzato da un gioco di squadra: la società ACR Progetti si occupa dell’elaborazione delle immagini e la predisposizione delle mappe e la società Salt & Lemon effettua i voli con il drone».

A sinistra la mappa della vigoria del riso effettuata grazie al volo del drone e a destra la mappa di prescrizione delle dosi differenziate di azoto da distribuire a seconda delle reali necessità delle piante.

Le curve di calibrazione dell’azoto

«Le curve di calibrazione – spiega ancora Rognoni – sono divise per gruppo varietale e prevedono diverse intensità: 95%, 97% e 99%. Ciò significa che si può scegliere l’intensità della concimazione variabile, a seconda delle caratteristiche degli appezzamenti. Per esempio, su un terreno di tessitura tendenzialmente sabbiosa e che teme l’attacco di brusone, si sceglierà una intensità di concimazione azotata più bassa, mentre dove si ritiene di produrre di più si lavora con il valore 99%».

Da sei anni no all’aratro e sì alla minima lavorazione

Michele Negri, insieme al papà Raffaele, da alcuni anni ha sposato l’innovazione agronomica partendo dalla gestione del terreno, grazie alla presenza sul mercato di attrezzature come il coltivatore CLC e l’erpice Qualidisc di Kverneland che il concessionario Lesmo di Rosate (Milano) sta introducendo nel territorio con grande successo.

«Sono sei anni che adottiamo la minima lavorazione – dice Raffaele Negri – e i risultati sono molto buoni. In autunno passiamo con il CLC e, solo se c’è molta paglia, effettuiamo il secondo passaggio; in primavera con un passaggio di Qualidisc prepariamo il letto di semina del riso. Non c’è dubbio che il risparmio di costo è sensibile e la produzione non diminuisce».

Con il Geospread si fa anche un’eccellente semina del riso

Elevata la soddisfazione di Negri anche per l’acquisto dello spandiconcime Kverneland CL Geospread. «Quest’anno lo abbiamo provato anche per la semina del riso su una parte della superficie – dice Michele Negri – e devo ammettere che ha lavorato in maniera perfetta e con estrema precisione. Precisione che si conferma nella distribuzione a dose variabile del concime e anche nell’azzeramento delle sovrapposizioni che ci fa risparmiare tantissime dosi di concime».

Con l’innovazione, non c’è dubbio, i conti tornano. L’importante però è fare i conti, altrimenti è difficile valutare il valore delle tecnologie.

In questo video, la concimazione a dose variabile effettuata all’azienda Negri con lo spandiconcime Kverneland CL Geospread.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

La semina a dose variabile del mais si può fare solo con seminatrici come Optima TF Profi

In un nostro precedente articolo abbiamo riportato lo straordinario risultato economico ottenuto nel 2017 in 34 aziende agricole dal progetto

La minima lavorazione parte bene alla Corte Parolara. Ora tocca ai sistemi di precisione

Nessun calo di produzione Quali sono stati i risultati produttivi di quest’anno? «Sui 6,35 ettari dove applichiamo la misura 10

Irrigazione sostenibile: quanto costano le ali articolate a pivot o ad avanzamento frontale

Non ci sono solo le “megamacchine” da 800 metri e più, ma esistono anche soluzioni più piccole di 100 metri,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*